Covid, il Cts annuncia: “L’emergenza continua”. Ecco quanto durerà

Il Covid-19 non lascia tregua all’Italia e a tutto il Mondo. Le ultime indicazioni del Comitato tecnico-scientifico sono chiare: di seguito le ultime prospettive e gli scenari

Giuseppe Conte (getty images)
Giuseppe Conte (getty images)

Il nuovo Coronavirus ha condizionato la vita di tutti noi negli ultimi mesi. La necessità di restrizioni e di limitare fortemente la routine e le abitudini sociali e lavorative dei cittadini resta stringente, nonostante l’arrivo dei vaccini. Il virus non lascia tregua al Bel Paese e, come ampiamente annunciato dalle forze politiche e da Giuseppe Conte, la pandemia durerà ancora alcuni mesi. Almeno fino a che i contagi non caleranno e si arriverà all‘immunità di gregge.

Per il momento, però, bisogna fare i conti con i consueti bollettini, i dati dei contagi, le salite e discese di curve e numeri. La pressione sul sistema sanitario resta forte, dopo una seconda ondata autunnale che ha dato grandi problemi e che non si è mai realmente esaurita. Per questo, la prudenza da parte della medicina e della politica resta massima: non è momento di subire ulteriori impennate di contagi che sarebbero devastanti in vista della campagna di vaccinazione massiva che verrà messa in atto. E anche il Comitato tecnico-scientifico sembra piuttosto chiaro su come bisognerà agire.

LEGGI ANCHE >>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 12 Gennaio 2021

Covid, il Cts chiede la proroga dell’emergenza: le ultime novità

Covid Italia (getty images)
Covid Italia (getty images)

La situazione relativa al Covid-19 resta ancora piuttosto seria. Per questo, secondo quanto riporta l’Adnkronos, il Comitato tecnico-scientifico avrebbe indicato la proroga dello stato di emergenza. La data indicativa posta come nuovo limite per il nuovo Coronavirus è quella del 31 luglio. Decisione importante e che lascia intendere quanto gli alti ranghi della politica e della sanità italiana non intendano abbassare la guardia nella lotta al Covid-19. Il momento è cruciale: tra stagione invernale e l’avvento del vaccino, nessuno può permettersi di allentare la presa.