Jacopo Zenga interviene nella lite fra suo fratello Andrea e papà Walter

Il fratello di Andrea Zenga entra al Grande Fratello Vip per incontrarlo, Jacopo parla del rapporto del gieffino con il padre Walter Zenga

Andrea e Jacopo Zenga
Andrea e Jacopo Zenga (Screenshot video)

Il fratello di Andrea Zenga, Jacopo, è entrato nella casa più spiata d’Italia ieri sera nel corso della 33esima puntata del Grande Fratello Vip. Dopo aver salutato il gieffino il ragazzo ha parlato del suo rapporto con il padre, Walter Zenga.

Andrea non ha rapporti con il padre da molto tempo, l’ultima volta si sono visti al matrimonio del fratello Jacopo pochi mesi fa. Nella casa più spiata d’Italia il gieffino aveva raccontato che in quell’occasione si sarebbero solo scambiati un freddo e fugace saluto, il fratello però ha fornito una versione diversa. Stando a quanto ha detto Jacopo tra i due ci sarebbe stata un’interazione diversa da un veloce saluto, pensa però che lui non lo abbia detto in mala fede.

LEGGI ANCHE >>>Gf Vip, Andrea Zenga attacca il padre. Walter: “Non puoi parlare”

Ad Andrea Zenga il fratello ha consigliato di non precludersi la possibilità di instaurare un rapporto con il padre nel tempo. Al gieffino Jacopo ha poi detto che gli vuole bene. Dopo il freeze Andrea ha ringraziato il fratello per le parole che gli ha detto. In merito all’incontro con il padre ha ribadito di essere stato freddo.

Tra Andrea Zenga e il padre solo un fugace saluto? Il fratello Jacopo smentisce

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Grande Fratello (@grandefratellotv)

Jacopo Zenga al fratello ha detto che dopo le sue parole è passato il messaggio che tra lui il padre ci sia stato solo un fugace saluto. A detta sua, però, le cose sono andate in modo diverso perché tra loro c’è stata un’interazione al suo matrimonio.

Nella discussione è intervenuto Alfonso Signorini, al fratello di Andrea Zenga ha detto di sapere che lui ha un rapporto diverso con il padre. Tra le cose dette al fratello ce n’è una molto importante secondo il conduttore. Quale? Quella di non precludersi nulla, né il minimo né il massimo perché potrebbe esserci dentro qualunque cosa. Signorini ha poi aggiunto che nella vita è un peccato precludersi un incontro di questo tipo, anche se c’è sofferenza, rabbia e rancore.