“Sequestrata e violentata” il racconto straziante dell’ex Pupa

“Sequestrata, rinchiusa e violentata” è la testimonianza shock dell’ex Pupa e volto noto della televisione italiana. Francesca Cipriani racconta la sua vicenda horror.

Francesca Cipriani
(Fonte Instagram)

Francesca Cipriani e la sua esperienza shock con un violentatore. Il noto volto televisivo, ex protagonista de La Pupa e il Secchione e attuale soubrette e influencer ha raccontato quanto avvenutole anni fa prima che iniziasse la sua carriera sul piccolo schermo. La donna, ora 36 anni, in un’intervista a Libero ha raccontato di come, tempo fa, il suo datore di lavoro la violentò dopo averla sequestrata.

Il tutto risale a quando la Cipriani aveva appena 18 anni e, assunta come commessa in un negozio di Sulmona (in Abruzzo), una volta venne sequestrata, rinchiusa e violentata dal proprietario della boutique nella quale aveva iniziato a lavorare. L’uomo si è fermato solo quando la ragazza svenne, con il timore che fosse morta. “Sono svenuta. Lui allora si è preoccupato, mi ha sentito il polso e si è fermato” il drammatico racconto della Cipriani che racconta quanto avvenuto 18 anni fa. Non solo violenza nei suoi confronti, da ragazzina racconta lei stessa fu anche vittima di bullismo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Francesca Cipriani smaschera i due concorrenti del Gf Vip

Francesca Cipriani: nel suo passato bullismo e violenza sessuale

Francesca Cipriani si apre sulle pagine di Libero e racconta i momenti bui che ha passato durante la sua giovinezza. Non solo la violenza sessuale di cui fu vittima appena maggiorenne (e denunciata alle forze dell’ordine, come rivela lei stessa), ma anche atti di bullismo nei suoi confronti. L’attuale showgirl e soubrette ricorda come da giovanissima i suoi compagni di scuola la prendessero in giro per una malformazione fisica.

francesca cipriani
(Fonte Instagram)

Da piccola ero cicciottella” rivela la Cipriani, “avevo una malformazione al seno, i coetanei mi prendevano di mira”. Una malformazione, chiamata sindone di Poland, che venne risolto con una ricostruzione plastica. Quello che fu, per necessità, di fatto il primo intervento estetico della donna.