Ferrari, la prima donna ammessa nell’Academy: di chi si tratta?

Una novità molto importante è stata annunciata in casa Ferrari. Il 22 Gennaio sarà annunciata la prima donna nella storia che entra a far parte della Ferrari Academy.

ferrari academy
Ferrari (Fonte GettyImages)

Il 22 Gennaio è una data da ricordare per sempre. Venerdì, infatti, la Ferrari Driver Academy annuncerà il nome della prima donna nella storia che entrerà a far parte della scuola. Si tratta di un’iniziativa partita da FIA Women in Motorsport Commission. La loro missione è quella di promuovere e diffondere l’automobilismo femminile. Inoltre, hanno come obiettivo quello di valorizzare giovani donne tra i 12 e i 16 anni e indirizzarle verso una carriera da pilota professionista.

Venerdì 22 Gennaio sarà annunciato il nome della vincitrice del programma FIA Girls on Track – Rising Stars. In finale sono arrivate quattro fantastiche e talentuose concorrenti tra cui verrà selezionata la prima donna a partecipare alla Ferrari Academy.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Marchetti porta a lavare la Ferrari: l’addetto la distrugge – FOTO

La Ferrari sta per fare la storia, il 22 Gennaio l’annuncio

ferrari academy
Ferrari (Fonte GettyImages)

La Ferrari sta per cambiare la storia del mondo sportivo automobilistico. Infatti, a breve conosceremo il nome della prima donna che entrerà a far parte della Ferrari Academy. Tra le candidate ci sono:  le brasiliane Julia Ayoub 15 anni e Antonella Bassani 14 anni, la francese Doriane Pin 16 anni e Maya Weug  16 anni, olandese. La FIA, ovvero la Federazione internazionale dell’automobile, ha selezionato le giovani donne arrivate in finale.

Il 15 Gennaio ha avuto luogo l’ultima prova. Essa prevedeva cinque giorni di totale immersione all’interno del mondo dell’Academy. Le candidate hanno affrontato diverse prove che testavano le loro capacità di reazione e resistenza, venivano valutate le loro prestazioni fisiche. Infine, un elemento molto importante che costituisce la prova finale è la valutazione delle condizioni mentali. Ovvero capire se le aspiranti pilote sono pronte, non solo a livello fisico, ma anche cognitivo ad affrontare una vita sportiva molto frenetica ed intensa.