QAnon, la nuova profezia su Biden: “Parte del piano”

Le ultime questioni politiche e i fatti in America hanno sconvolto l’intero pianeta. Non si placano le teorie complottiste e le speculazioni da parte dei seguaci QAnon: ecco la nuova profezia su Biden

Biden (getty images)
Biden (getty images)

Il mondo continua a seguire con grande attenzione gli eventi che stanno accadendo negli Stati Uniti d’America. Le ultime elezioni hanno portato, nei fatti, alla sconfitta di Donald Trump e al successo di Joe Biden sull’avversario politico. Le polemiche, però, non si sono per nulla arrestate tra i sostenitori dell’ormai ex Presidente. In occasione della cerimonia di insediamento del nuovo Presidente hanno preso d’assalto il Campidoglio, scatenando il caos. Gli scontri con la Polizia hanno provocato anche la morte di una donna.

A distanza di alcune settimane, non si placa l’eco della vicenda. I sostenitori di Trump non si arrendono e molte delle speculazioni viaggiano sui social network. Negli ultimi giorni, sono moltissime le teorie che stanno circolando tra profezie, ipotesi di brogli di voti e addirittura un eventuale coinvolgimento internazionale nel piano contro Trump. I seguaci QAnon stanno ora adattando la profezia alla base del loro movimento all’insediamento di Biden.

LEGGI ANCHE >>> Biden, è subito caos dopo l’insediamento: impeachment – VIDEO

QAnon, la profezia adattata a Biden: l’ultima stravagante ipotesi

Biden (getty images)
Biden (getty images)

Il Washington Post ha intervistato una delle seguaci per comprendere il suo pensiero. La donna di nome Tiffany ha detto: “Ora le cose stanno iniziando, dovevano commettere il crimine per far partire tutto”. Insomma, anche l’insediamento di Joe Biden ora diventa tutto parte del presunto piano. E non solo. La donna fa capire chiaramente che tutto ciò che sta accadendo nelle ultime settimane sia parte dello scenario finale. Secondo i seguaci, sarebbero i tasselli necessari per smascherare i “cattivi” che avrebbe falsato il voto elettorale. Intanto, le grandi compagnie si stanno schierando apertamente contro la campagna di disinformazione e le infondate tesi complottiste che circolano in rete: vedremo se si riuscirà ad arginare questa nuova ondata.