Covid, preoccupa l’ultimo annuncio di Boris Johnson: “Ora è più letale”

Il Covid-19 imperversa in tutto il mondo e, nonostante l’arrivo del vaccino, la guardia deve restare altissima per contenere contagi e decessi. L’ultimo annuncio di Boris Johnson fa salire nuovamente l’allerta

Covid Regno Unito (getty images)
Covid Regno Unito – immagine di repertorio (getty images)

Il nuovo Coronavirus non lascia tregua all’intero pianeta. Con l’arrivo delle stagioni autunnali e invernali, i contagi sono tornati a crescere a dismisura in diversi Paesi europei e extra UE che si sono trovati costretti a istituire misure molto rigide per riuscire a contenere la pandemia. Tra questi sicuramente l’Inghilterra. Il primo ministro Boris Johnson sta facendo i conti con la variante che ha innalzato a dismisura il numero di casi nel Regno Unito e ha costretto il Governo a un rigido lockdown. 

Nelle scorse settimane, vi abbiamo riportato i motivi per cui la variante desta particolare preoccupazione. In particolare, le prime rilevazioni avevano fin da subito evidenziato una capacità di riprodursi e contagiare molto più elevati. Ora l’ultimo annuncio di Boris Johnson preoccupa ulteriormente il Regno Unito su quali possano essere gli effetti devastanti sulla popolazione. Di seguito tutte le ultime novità.

LEGGI ANCHE >>> Allarme Covid: “Nuova variante più aggressiva”. L’Italia blocca i voli

Variante Covid, Boris Johnson preoccupa tutti con l’annuncio sulla letalità

Boris Johnson (getty images)
Boris Johnson (getty images)

Oltre a essere più contagiosa, la variante potrebbe essere anche più letale. A dirlo è Boris Johnson in conferenza stampa, sottolineando la pericolosità del virus: “Vi devo dire che oggi pomeriggio siamo stati informati che vi sono evidenze sul fatto che la nuova variante, oltre a diffondersi più rapidamente, si associ anche a un più alto grado di mortalità”. Le dichiarazioni di Johnson sono avallate dagli ultimi dati forniti dagli esperti britannici. I dati sono ancora parziali e andranno confermati, ma, secondo le ultime rilevazioni, nelle fasce più colpite il rapporto fra decessi e contagiati passa da una media di 10 contro mille a 13-14 contro mille.