Covid, Sileri interviene a Live non è la D’Urso: “Ci vorrà del tempo”

Il Viceministro Pierpaolo Sileri è intervenuto nel salotto di Live non è la D’Urso per parlare ancora di Covid-19. Il politico raccomanda molta cautela.

pierpaolo sileri covid-19
Pierpaolo Sileri (Fonte screen-shot)

Si parla sempre di pandemia globale da Coronavirus anche nel salotto televisivo di Barbara D’Urso. Il viceministro Pierpaolo Sileri, ospite a Live non è la D’Urso, ha esposto il suo punto di vista in merito al ritorno alla vita di tutti i giorni. Lunedì, 1 Febbraio, dovrebbe essere applicata la zona gialla a quasi tutte le regioni d’Italia. Ancora non si sa con certezza quali diventeranno aree con norme meno restrittive e quali, invece, continueranno a essere zona arancione o addirittura rossa.

Il politico si è dichiarato favorevole alla ripresa delle attività quotidiane, elemento necessario per cercare di sollevare il paese che sia economicamente che emotivamente è allo stremo. Però, Sileri sostiene che ci sono alcune precisazioni da fare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Festa anti Covid in un pub: entra la polizia, record di sanzioni

“Vaccino? Ci vorrà tutto il 2021 per il completamento” dichiara Sileri

sileri pierpaolo
Pierpaolo Sileri (Fonte screen-shot)

Durante l’ultima puntata andata in onda di Live non è la D’Urso, la conduttrice ha ospitato il viceministro Pierpaolo Sileri e hanno parlato, ancora una volta di Covid. La napoletana ha mostrato un filmato che ha diviso il pubblico a metà. Ha fatto vedere le strade delle città italiane popolate da tantissime persone, ove la zona gialla lo permette. C’è chi sostiene che sia uno scandalo vedere orde di gente così vicine, mentre altri sostegno che sia giunto il momento di tornare alla vita di sempre. Tra questi c’è anche Sileri che però sottolinea la necessità e l’importanza di indossare sempre la mascherina.

Inoltre, la D’Urso gli ha chiesto come procede il processo di vaccinazione. Secondo il Viceministro, l’Europa ha gestito male la distribuzione, ma entro il 2021 ci si aspetta che si arrivi al completamento. Dunque, per fine anno, almeno così pare, tutti gli italiani dovrebbero essere vaccinati contro il Covid-19.