Covid, la variante inglese sarà “come un uragano”: l’allarme dell’esperto

Il Covid continua a colpire, l’esperto lancia l’allarme sulla variante inglese: “Sarà come un uragano di categoria 5”. Allerta massima

Covid
Covid, medici (Getty Images)

Il Covid, ad oltre un anno, continua a tenere sotto scacco il Mondo intero. Le vaccinazioni sono iniziate ma si è ancora ben lontani dal traguardo dell’immunità di gregge e dal superamento definitivo della pandemia che ha causato anche una gravissima crisi economica.

Il virus preoccupa ma c’è grande allerta per le sue varianti, in primis quella inglese, considerata più aggressiva e più contagiosa della normale anche se il tasso di letalità non sarebbe aumentato. Ed il vaccino, al momento, sembrerebbe efficace anche per questa nuova versione.

L’allarme sulla nuova variante inglese è già scattato negli Stati Uniti, il Paese più colpito dal virus, anche per la prevenzione non adeguatamente svolta durante la presidenza Trump. La Nazione, fin qui, ha avuto il numero più alto di morti e non arrivano certo buone notizie dagli esperti di epidemiologia e virologia a stelle e strisce.

Covid, è allarme variante inglese

Covid
Un tampone per verificare presenza di Covid (Getty Images)

Colpirà gli Stati Uniti come un uragano” il pensiero sulla variante inglese di Michael Osterholm, direttore all’Università del Minnesota del centro di ricerca sulle malattie infettive, ai microfoni della Nbc. L’epidemiologo è stato anche il consulente del presidente Biden nella transizione post elezioni ed è quindi molto ascoltato dalle autorità del Paese.

Come afferma la Johns Hopkins University, fin qui 441.319 decessi per complicanze e 26.185.476 contagiati sono stati confermati dagli Stati uniti dall’inizio della pandemia. Osterholm ha anche fissato un periodo ben preciso; “la variante nelle prossime sei-14 settimane provocherà un vertiginoso aumento di positivi“.

L’epidemiologo ha quindi chiesto al presidente Biden di accelerare il processo di vaccinazione, considerato come sia in arrivo “l’uragano di categoria 5“. Da qui la necessità di intervenire rapidamente. Al momento negli Stati Uniti sono state iniettate 30 milioni di dosi su 320 milioni di abitanti.

Covid
Medici in un reparto Covid (Getty Images)

E le notizie che arrivano dall’Inghilterra non sono certo rassicuranti; il premier Boris Johnson ha infatti spiegato come la variante inglese sia più letale del 30%.