Britney Spears, Justin Timberlake parla dopo 20 anni: “Ho sbagliato”

Dopo la pubblicazione del documentario su Britney Spears, il suo storico ex Justin Timberlake è finito nei guai. Accuse molto gravi nei suoi confronti.

spears timberlake salta fuori la verità
Britney Spears e Justin Timberlake (Fonte GettyImages)

Il documentario pubblicato recentemente, Framing Britney Spears, non ha soltanto fatto luce su molte questioni inerenti al mental breakdown della pop star, ma ha fatto emergere molto altro. Uno dei temi più dibattuti è stata la relazione tra la cantante e Justin Timberlake. Come tutti sanno, negli anni Novanta i due hanno fatto letteralmente impazzire milioni di fan.

Erano la coppia perfetta, Barbie e Ken dello star system hollywoodiano. Purtroppo le favole non sempre finiscono con un lieto fine. Infatti, i due si lasciano, ma la gestione della rottura da parte di Timberlake è stata considerata misogina e sessista.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Britney Spears, la confessione da brividi della cugina: “Mi ha minacciata”

Justine Timberlake si scusa con la Spears: “So di aver fallito”

spears e timberlake le scuse
Britney Spears e Justin Timberlake (Fonte GettyImages)

Sono stati innumerevoli i messaggi inviati a Justin Timberlake in seguito alla visione del documentario su Britney Spears. Il cantante è stato accusato dal web di essere stato misogino e sessista nei confronti dell’ex fidanzata. In particolar modo si fa riferimento al momento in cui ha annunciato in radio di essere andato a letto con la pop star e che lei lo tradiva.

Inoltre, il suo video musicale  Cry me a river era un chiaro riferimento alla sua storia d’amore naufragata. Justin ha ammesso di aver sbagliato in quelle occasioni e si scusa per tutte le volte in cui è stato avvantaggiato da un sistema che promuove razzismo e sessismo. Infine ha voluto rivolgersi direttamente a Britney Spears e chiederle perdono in quanto è una donna che stima, rispetta e a cui vuole molto bene. Chi sa se mai avrebbe avuto il coraggio di parlare se non fosse stato per l’esposizione mediatica a cui è stato sottoposto a causa del documentario.