Letizia Moratti, nuova gaffe: scoppia la polemica in Lombardia

Letizia Moratti fa discutere dopo le ultime dichiarazioni. Scoppia la polemica in Lombardia e divampa anche sui social network: ecco cos’è successo

Somministrazione del vaccino per il Covid
Vaccino Covid (Getty Images)

Letizia Moratti al centro delle polemiche dopo l’ultima dichiarazione sulle vaccinazioni per il Covid-19. Motivo di discussione è un’intervista rilasciata dall’assessora al Welfare al Tgr Rai nella serata di domenica. Il momento risulta particolarmente delicato in Italia. Sul tavolo del Governo, l’ipotesi di un nuovo lockdown e anche la preoccupazione per una possibile risalita dei contagi, con l’arrivo delle temute varianti che invita alla massima cautela.

Intanto, occorre portare avanti la campagna di vaccinazione più importante della storia recente. Tra dosi in ritardo e qualche polemica, si prosegue con l’obiettivo annunciato fin dal principio di vaccinare la fetta più ampia della popolazione a rischio, prima di tutto. Proprio parlando della somministrazione delle dosi agli over 80, la Moratti si è lasciata sfuggire una dichiarazione che ha fatto storcere il naso a molti. Ecco di cosa si tratta.

LEGGI ANCHE >>> Covid, preoccupante scoperta sulla variante inglese: il documento

Letizia Moratti e la gaffe sulle vaccinazioni agli over 80: la situazione

Letizia Moratti e la vaccinazione per il Covid-19
Letizia Moratti (Getty Images)

Ospite del Tgr Rai, la vicepresidente della Regione Lombardia ha detto: “Le persone devono stare serene. Tutti gli over 80 saranno vaccinati. Non c’è da avere fretta“. Quest’ultima parte ha scatenato ironia e rabbia su Twitter. C’è chi commenta a riguardo: “Certo, hanno tutta la vita davanti a loro!”. E mentre le polemiche sui tempi non si placano, oggi ha avuto il via, con qualche problema tecnico, il clic day per la prenotazione online delle vaccinazioni per gli over 80, arrivata già a oltre 130 mila adesioni.

La Moratti ha spiegato anche: “La prima dose verrà somministrata entro fine marzo e entro metà aprile la seconda dose, sempre che saranno rispettati i tempi previsti per la distribuzione dei vaccini”. Tra qualche gaffe e diversi problemi, la campagna di vaccinazione va avanti in Lombardia.