Pericolo su Signal: il messaggio-truffa che gira sul “nuovo WhatsApp”

Anche su Signal, la nuova app di messaggistica, sono sbarcati i truffatori del web che stanno diffondendo un messaggio tra gli utenti, sperando che qualcuno caschi nel tranello.

Truffa su app Signal
App Signal (fonte: Instagram)

I truffatori del web hanno intercettato il successo di Signal, la nuova app di messaggistica esplosa tra gli utenti dopo che WhatsApp ha annunciato l’aggiornamento del suo regolamento sulla privacy. Ecco che quindi hanno iniziato a circolare alcuni messaggi ingannatori che fanno credere a chi li riceve di essere i fortunati vincitori di qualcosa.

L’ultima truffa coinvolge Amazon ed Apple. Infatti, a parecchi utenti è già arrivato un messaggio che li invita a cliccare su un link perché la famosa piattaforma di e-commerce li ha premiati con un iPhone12. In realtà, anche se è molto facile capire che si tratta di un imbroglio, sono in molti a cascarci fornendo quindi i propri dati personali con il rischio di incappare in furti di identità o di account bancari.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Pubblicità su Facebook, fate attenzione a questi tentativi di truffa

Truffe su Signal: come evitarle

Anche se all’apparenza potrebbero sembrare messaggi a cui è facile “abboccare”, in realtà queste truffe sono tranquillamente riconoscibili. Basta leggere attentamente il messaggio. Molto spesso infatti il testo è pieno di errori grammaticali, come nel caso della truffa dell’iPhone 12 in cui tutte le E che dovrebbero essere accentate non lo sono.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Amazon, l’assurda truffa tramite SMS: come proteggersi

Inoltre, cliccando sul link si accede a un sito che apparentemente è uguale a quello di Amazon. Se già un occhio esperto potrebbe notare qualche differenza, magari qualcun altro potrebbe essere tratto in inganno. Il campanello di allarme deve invece accendersi guardando alla URL del sito. Questa, infatti, sarà inevitabilmente diversa dal sito dell’e-commerce la cui URL è “Amazon.com“.

Questo fenomeno delle truffe online prende il nome di phishing, che ricorda molto nella pronuncia la parola fish (pesce). Gli utenti, infatti, dovrebbero abboccare come pesci alle truffe.