Milan-Inter, derby già bollente: norme anti Covid violate – VIDEO

Milan-Inter è già cominciato. A poco più di un’ora dal calcio d’inizio le due tifoserie sono venute quasi a contatto fuori da San Siro, con la polizia che è stata costretta a intervenire.

Ibrahimovic e Lukaku durante la lite in inter-milan
Ibrahimovic e Lukaku durante la lite in Inter-Milan (fonte: Getty Images)

Alle ore 15:00 calcio d’inizio di uno dei derby di Milano, classifica alla mano, più importanti dell’ultimo decennio. Forse il più importante. Le due squadre di giocano la testa della classifica: l’Inter vuole mantenere il primato conquistato appena una settimana fa, il Diavolo ha l’obiettivo di riprendersi la testa dopo un intero girone d’andata passato a guardare tutti dall’alto in basso.

Si capisce come i punti in palio siano di valore assoluto, e le due tifoserie più che mai sentono la stracittadina che inizierà tra meno di un’ora. Il kick off delle 15:00 è stato però “anticipato” da quanto avvenuto fuori da San Siro. Il derby è già bollente, con le due tifoserie che prima hanno accolto i pulman all’esterno dello stadio (creando già assembramenti vietati), poi sono venute quasi a contatto costringendo l’intervento della polizia presente. Norme anti Covid violate e disordini “placati” dalle forze dell’ordine. Non belle scene quelle che arrivano dal piazzale di San Siro.

Svariate migliaia di tifosi di entrambe le squadre hanno già alzato al massimo la tensione di una gara già di per sé delicatissima. Non solo per questioni di rivalità e classifica, ma anche per quanto avvenuto un mese fa tra Lukaku e Ibrahimovic.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Terribile lutto per l’ex campione del Milan 

Milan-Inter, derby l’indomani la scomparsa di Bellugi

Quasi settemila i tifosi del Milan, circa cinquemila quelli dell’Inter presenti fuori lo stadio. Molti di loro con la mascherina, ma senza rispettare la norma del distanziamento sociale. I supporters nerazzurri hanno voluto ricordare a loro modo con uno striscione Mario Bellugi, ex calciatore della Beneamata scomparso ieri e che qualche settimana fa aveva dovuto subire l’amputazione delle gambe per complicazioni dovute al Covid.

Un ricordo, però, macchiato dagli scontri tra le due tifoserie. Si spera ora che in campo possa essere solo spettacolo.