Enorme asteroide “potenzialmente pericoloso” sfiora la Terra: c’è la data

La NASA ha confermato la data in cui un asteroide di grosse dimensioni, “potenzialmente pericoloso”, sfiorerà la Terra. Si chiama 2001 F32 e sarà l’asteroide più grande di tutto il 2021. 

Asteroide Terra Novembre
(Getty Images)

La data segnata in rosso per tutti gli appassionati di astronomia sarà quella del prossimo 21 marzo. Sarà il giorno in cui un asteroide definito “potenzialmente pericoloso” sfiorerà il nostro pianeta, a una distanza che dal punto di vista astronomico è decisamente ridotta. Si chiama Si chiama 2001 (l’anno in cui venne scoperto) F32 e sarà l’asteroide più grande di tutto il 2021, passerà a circa 2 milioni di chilometri dalla Terra tra poco meno di un mese.

Dal punto di vista astronomico la distanza alla quale transiterà l’enorme masso è decisamente ridotta, ma questo non significa che ci saranno danni o che ci si debba preoccupare. La NASA ha definito l’asteroide potenzialmente pericoloso per via del “ridotto” margine che lo separerà dal nostro pianeta. 2001 F32 attualmente viaggia a circa 124mila chilometri orari e ha un diametro di poco più di un chilometro. Sarebbe grande come il ponte di San Francisco, il Golden Gate.

Individuato nel lontano 2001, l’asteroide viene costantemente monitorato e con la sua orbita si ritrova a “sfiorare” la terra ogni 810 giorni. Data la distanza ravvicinata con la quale passerà accanto alla Terra l’enorme masso potrà essere analizzato nei dettagli, possibilità che non si ripeterà più per i prossimi 150 anni.

Estinzione dinosauri, non fu asteroide ma cometa?

Intanto studi recenti affermano come a causare l’estinzione dei dinosauri non fu un asteroide, come ritenuto fino a oggi, bensì una cometa. Secondo uno studio britannico pubblicato su Scientific Reports a impattare in Messico, causando la fine del 75% della vita sul pianeta, fu una cometa dal diametro di una decina di chilometri proveniente dalla nube di Oort, situata ai confini del sistema solare.

Alcuni elementi però “smentirebbero” questa eventualità: per esempio l’elevato livello di iridio presente nel cratere messicano. L’iridio, infatti, è un elemento presente negli asteroidi e non nelle comete.