Ue, Draghi si fa sentire: nuova telefonata. Tutte le priorità del Governo

Il Governo ha diverse priorità sul tavolo e Mario Draghi sembra avere ben chiare le sue idee per risollevare l’Italia dopo un periodo certamente non semplice. L’ultima telefonata chiarisce il programma del Premier

Mario Draghi con la mascherina
Mario Draghi (Getty Images)

L’Italia ha subito l’ennesimo ribaltone politico dopo le dimissioni di Giuseppe Conte e l’arrivo di Mario Draghi al Governo. Il nuovo Premier ha fin da subito dovuto fare i conti con la difficilissima sfida costituita dalla pandemia da Covid-19. Il Presidente del Consiglio, però, non vuole mollare nella corsa per sconfiggere il virus, anzi pare sempre più intenzionato a battersi anche a livello europeo per tentare di contenere il più possibile la pandemia e uscire finalmente da questa situazione.

In un quadro del genere, i dialoghi con l’Europa rappresentano sicuramente un punto cruciale e Draghi sembra essere la figura ideale per tentare di percorrere la giusta direzione per l’Italia e in tutto il Continente. Proprio per questo i dialoghi con Ursula von der Leyen sono costanti e avrebbero portato a una via chiara tracciata dal Premier italiano. Scopriamo i contenuti di ciò che ci sono detti e quali sono le priorità da parte del Presidente del Consiglio, a partire dall’emergenza sanitaria ancora in corso.

LEGGI ANCHE >>> Draghi silura Arcuri: chi è Figliuolo, nuovo Commissario per l’emergenza

Draghi ribadisce le sue priorità all’Europa: le ultime novità

von der Leyen con la bandiera dell'Ue
von der Leyen (getty images)

I contenuti della chiamata tra von der Leyen e Draghi sono riportati da ‘Repubblica’. Il Premier avrebbe ribadito innanzitutto come la sfida principale in questo momento sia quella del Covid. Accelerare sui vaccini sembra dunque la priorità: è l’unica strada per riuscire a uscire dalla pandemia ancora in corso. Nella chiamata si è discusso anche del Recovery Fund, il tema principale sui tavoli economici di Italia e Ue. Fondamentale anche l’esigenza di una gestione europea dei flussi migratori per una “maggiore proporzionalità tra responsabilità e solidarietà degli Stati membri”. Sul tema si era esposto negli ultimi giorni Matteo Salvini: il leader della Lega aveva chiesto un cambio di passo all’Italia. Vedremo se ci saranno nuove accelerazioni sui tre temi trattati nella chiamata tra i leader politici.