Estate 2021, gli Stati si preparano: cosa cambia per i viaggi e i costi

Purtroppo anche l’estate 2021 sarà segnata dal covid. I diversi Stati si preparano alla stagione, tra passaporti e quarantene

Una donna legge un giornale
Una donna legge un giornale (GettyImages)

In molti ci sperano ancora, qualcuno invece è più pessimista. L’estate 2021 non è proprio alle porte, ma moltissimi paesi stanno già dandosi da fare per organizzare la stagione estiva. L’estate 2020 sembrava aver spazzato via il virus – con uno zero nella casella dei contagi a giungo per l’Italia – salvo poi risalire la china da agosto a settembre per la nuova ondata. Per tanti questa sarà la stagione della rinascita, con la speranza che i vaccini e la bella stagione possa aiutare ancora una volta a far crollare i contagi.

Le idee per ospitare i turisti sono molte, importantissimo per i paesi orami quasi covid free, sarà organizzare una buona compagnia di accoglienza agli stranieri, per permettere quarantene e non far divulgare ancora una volta i contagi in discoteche affollate, spiagge e ristoranti (come accaduto alla fine della scorsa estate). Ma vediamo nel dettaglio alcune trovate dei diversi Stati.

Covid, obiettivo estate 2021: turismo fondamentale

Una spiaggia affollata
Una spiaggia affollata (GettyImages)

Tante incognite in Italia, vista la situazione vaccini e contagi. Si comincia a pensare alla prossima stagione estiva, anche se probabilmente sarà caratterizzata ancora dal last minute. Il turismo è una fonte importantissima per il nostro paese, soprattutto al sud Italia. Intanto paesi come la Thailandia, hanno deciso di incentivare i turisti con la possibilità di trascorre niente meno che la quarantena in uno yacht. Viaggi ridotti appunto in Indocina ai minimi termini negli ultimi mesi, da migliaia al giorno a poche centinaia.

Molto difficile sarà spostarsi verso l’Inghilterra invece, visti i costi sia di isolamento che di trattamenti, tamponi e test necessari al solo volo aereo. Sia Spagna che Cina sono pronte a introdurre il passaporto vaccinale, mentre la Grecia accoglierà turisti guariti e immunizzati. Anche States e Inghilterra penseranno nei prossimi mesi a un’alternativa simile. L’Ue invece sta lavorando a un “vaccino green pass” per permettere di viaggiare tra i Paesi europei.