Covid, via libera da parte del Governo: si potrà fare anche in zona rossa

Il Covid-19 rappresenta ancora oggi un problema decisamente attuale e ostico sul tavolo del Governo. Sono pronte nuove restrizioni, ma il Presidente del Consiglio dovrebbe concedere una possibilità ai cittadini anche in zona rossa

Personale sanitario per il Covid-19
Personale sanitario – Immagini di repertorio (Getty Images)

La situazione relativa il Covid-19 non permette di pensare a un allentamento delle misure restrittive. Al contrario, i dati non permettono ai cittadini neanche lontanamente di pensare a un “liberi tutti” che avrebbe conseguenze decisamente gravi sullo stato della pandemia nel nostro Paese. Gli ultimi numeri trasmessi dalle Regioni sono, invece, ancora importanti e hanno costretto Mario Draghi e il suo esecutivo a stabilire nuove chiusure. Diverse Regioni, infatti, hanno cambiato o cambieranno colore nelle prossime ore: un quadro che, dunque, appare ancora drammatico.

Nonostante l’arrivo del vaccino e i tentativi di accelerazione nelle somministrazioni e per l’ottenimento delle dosi, verrà, dunque, richiesto un ulteriore sacrificio agli italiani. Nuove accortezze negli spostamenti e nei comportamenti tenuti andranno adottati nei prossimi giorni per tentare di limitare la corsa del virus. Un passaggio importante per uscire dalla pandemia che sta tenendo in ginocchio l’Italia negli ultimi mesi. Nelle faq del Governo, in attesa di notizie ufficiali, emerge, però, anche una novità relativa a ciò che si potrà fare in zona rossa.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid: aperte le prenotazioni, ma va tutto in tilt. Cosa è successo

Covid, il Governo dice sì allo spostamento nelle seconde case. Anche in zona rossa

Mario Draghi con la mascherina
Il Premier Mario Draghi (Getty Images)

La nuova stretta è, dunque, pronta per contenere i contagi e la corsa delle varianti del virus. In ogni caso, anche in zona rossa, secondo quanto riporta dalle faq del Governo, chi è proprietario di una seconda casa o, comunque, è titolare di un contratto di locazione di un immobile dal periodo antecedente gennaio 2021, è autorizzato a raggiungerla. Ci sono, però, delle condizioni necessarie: la seconda casa in questione deve essere disabitata e non possono essere invitate persone non conviventi, nemmeno prima dell’orario di coprifuoco.