Vaccino Covid: aperte le prenotazioni, ma va tutto in tilt. Cosa è successo

Il vaccino per il Covid-19 rappresenta una svolta nella lotta alla pandemia. Continuano, però, i disservizi in diverse parti del Paese: ecco cosa è successo nella giornata di oggi

somministrazione vaccino contro il Covid-19
somministrazione vaccino contro il Covid-19 (fonte Getty Images)

Il Covid-19 e l’arrivo del vaccino: da un lato la necessità sempre più stringente di accelerare sul fronte delle somministrazioni, dall’altra la realtà di dover far fronte a diversi problemi ancora presenti nelle dosi e nelle iniezioni. Intanto, la situazione in Italia resta decisamente complicata. Il Governo, alla luce dei dati trasmessi dalle Regioni, ha già cambiato “colore” a diversi territori e si appresta a stabilire regole sempre più stringenti in vista della Pasqua e delle prossime settimane.

Da un fronte, dunque, le nuove chiusure, dall’altro la forte volontà di dare una svolta anche per quanto riguarda le somministrazioni del vaccino in modo da immunizzare il prima possibile la maggior parte della popolazione. Fin dall’arrivo delle prime dosi, infatti, la priorità è stata vaccinare le categorie a rischio. Si parla, dunque, del personale sanitario e di chi rientra anagraficamente in una soglia superiore ai 65-70 anni. L’Italia deve ancora oggi, però, fare i conti con diversi rallentamenti su questo fronte. Scopriamo cosa è successo in Campania nella giornata di oggi.

LEGGI ANCHE >>> Covid, tremendo lutto per la fotografia: è morto a soli 65 anni

Vaccino Covid, in tilt il sistema di prenotazione in Campania

Nella Regione Campania, come riporta ‘SkyTg24’, sono state aperte da oggi le prenotazioni per effettuare il vaccino contro il Covid agli over 70. Il sistema deputato a prenotare le somministrazioni. però, è andato in tilt. Dalle ore 12 si poteva accedere al portale, ma già dalla mattinata era iniziata a circolare in maniera virale, soprattutto sui social, la novità che il portale avrebbe consentito le registrazioni. L’assalto ai server ha fatto andare tutto in tilt e molti utenti hanno riscontrato difficoltà nella compilazione e nei vari passaggi. C’è chi, pur avendo 70 anni, non riusciva a superare la prima fase. Moltissimi si sono bloccati, invece, nel passaggio riferito all’sms di conferma: un disservizio che ha fatto storcere il naso a molti. Secondo quanto riferito, “L’sms di conferma potrebbe arrivare nelle prossime ore. Bisogna attendere il sistema “smaltisca” la mole di richieste”.