Lady Gaga fa ‘impazzire’ Milano: richieste folli

Lady Gaga protagonista a Milano sul set del film, in uscita verso la fine dell’anno, sull’omicidio di Maurizio Gucci.  La cantante e attrice fa ‘impazzire’ l’hotel in cui sta alloggiando con richieste folli. 

Lady Gaga primo piano
L’artista Lady Gaga (fonte: Instagram)

Da qualche giorno Lady Gaga è a Milano. La cantante, che ha già esordito sul grande schermo qualche anno fa in A star is Born, sarà protagonista nella seconda parte dell’anno nel film che parlerà dell’omicidio di Maurizio Gucci, nipote del famoso stilista e fondatore della maison di moda Guccio Gucci. La sua parte, quella di Patrizia Reggiani (condannata a 29 anni di carcere per essere il mandante dell’omicidio), ha già fatto molto discutere. La ‘vera’ Patrizia è anche intervenuta nella vicenda, domandandosi pubblicamente come faccia Lady Gaga e interpretarla pur non avendola mai vista e conosciuta.

Stefani Germanotta, però, non fa discutere solamene sul set ma anche fuori, una volta spente le cineprese. Da qualche giorno la produzione da Roma si è spostata a Milano, e la cantante ha fatto già parlare di sé per alcune folli richieste che avrebbe fatto all’hotel nel quale soggiorna. A confessare quanto avvenuto è il giornalista Santo Pirrotta ai microfoni della trasmissione Ogni Mattina.

Classici capricci da star quelli dell’artista, ma cosa avrebbe preteso? “Fa delle telefonate notturne, anche alle 3 del mattino, con le richieste più strane” ammette Pirrotta nel suo intervento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Lady Gaga, il dettaglio che scatena i fan

Lady Gaga, “Buio, veleno e chef

L’interprete di Poker Face e Bad Romance si sarebbe portata dagli Stati Uniti uno chef personale, che cucinerebbe per lei giorno e notte sodisfando ogni richiesta dell’artista che, tra l’altro, prima di mangiare qualsiasi cosa lo farebbe assaggiare ai suoi collaboratori. “Ha paura di essere avvelenata” afferma Pirrotta, che poi svela altri retroscena del suo soggiorno milanese.

“La sua camera è sempre buia, notte e giorno” aggiunge il giornalista, “non vuole nemmeno il led della tv. Oscurato tutto, non vuole vedere la luce”.