Whatsapp, la novità sulle note audio; cos’è la riproduzione flash

Whatsapp si prepara ad aggiornare l’app con una nuova interessante funzionalità per i messaggi audio. Ecco di cosa si tratta 

Whatsapp fra le app di uno smartphone
Whatsapp fra le app di uno smartphone (getty images)

Whatsapp è l’app di messaggistica istantanea che, più di tutte, ha rivoluzionato il modo di comunicare di giovani e adulti. Tutti comunicano con i messaggi whatsapp, sia scritti che audio.

Una delle funzionalità più chiacchierate dell’applicazione è, infatti, quella relativa ai messaggi vocali che sono gratuiti proprio come i messaggi scritti. Tramite questa opzione è possibile registrare la propria voce ed inviare il messaggio audio al contatto che si desidera. In questo modo, la vecchia segreteria telefonica, è completamente caduta quasi in disuso. Nessuno è più abituato,  da molti anni ormai, a lasciare messaggi con la propria voce alla segreteria del telefono fisso o mobile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Manovra Governo, smartphone e abbonamento a internet: chi ne ha diritto

La nuova funzionalità whatsapp: la riproduzione “flash”

Logo di Whatsapp sullo schermo di uno smartphone
Logo di Whatsapp sullo schermo di uno smartphone (getty images)

Ognuno di noi ha quell’amico che, malauguratamente, manda messaggi vocali che durano più di 2 minuti, generando nel destinatario, spesse volte, sentimenti di irritazione e amichevole sdegno. D’ora in poi queste dinamiche non rappresenteranno (quasi) più un problema, grazie alla nuova funzionalità dell’applicazione di messaggistica istantanea.

L’ultimo aggiornamento dell’app prevede, infatti, la cosiddetta riproduzione flash dei messaggi audio. Ciò significa che, accanto al pulsante “play”, con il quale si fa partire il messaggio vocale, si avrà a disposizione un nuovo bottone, quello che permetterà di raddoppiare la velocità di riproduzione dell’audio. Così facendo, se prima un audio di due minuti prendeva due minuti esatti per ascoltarlo integralmente, ora basterà la metà del tempo.

A dare notizia della nuova funzionalità è stato il sito WABetaInfo attraverso il suo profilo twitter. La data ufficiale di uscita dell’aggiornamento, però, ancora non si conosce.