The Last of Us diventa una serie Tv: le differenze con il gioco

Il celebre videogioco “The last of us” diventa una serie per la televisione. Ecco quali sono le maggiori differenze con il gioco

play station
Una PlayStation (getty images)

Il celebre videogioco “The last of us” diventerà una serie per la televisione targata HBO (stessa azienda che ha prodotto “Il trono di spade”). Alcune differenze rispetto al game sono già state annunciate, ma la presenza del creatore Neil Druckman è per i fan sinonimo di garanzia per quanto concerne la qualità del prodotto finale che andranno a vedere in TV.

Alcuni membri del cast sono già stati annunciati. Nei panni di Joel ed Ellie ci saranno rispettivamente: Pedro Pascal e Bella Ramsey.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> FIFA 21, eliminate dal videogioco due esultanze controverse

Le differenze rispetto al videogioco di “The last of us”

una psp
Una PlayStation portatile (getty images)

L’attesa di vedere come verrà organizzata la messa in onda della serie è tanta e sono già state annunciate delle differenze rispetto alle caratteristiche del gioco a cui i fans erano abituati. A parlare è proprio l’ideatore del videogame Neil Druckman che dichiara: “Penso a cose superficiali, come il fatto che i personaggi debbano indossano necessariamente una camicia a quadri e una t-shirt rossa. Potrebbero anche non farlo. Si tratta di qualcosa di certo meno importante se paragonata al rispetto del viaggio che compiono e dell’evoluzione che subiscono. Ci saranno passaggi in cui le storie saranno molto simili. È stato divertente ritrovare alcuni dialoghi scritti per il videogioco anche nella serie HBO. In altri casi, invece, occorre ricordarsi che si tratta di due media differenti. Ciò vuol dire che ci saranno modifiche”.

Neil Druckman ha anche specificato che gli episodi prodotti all’inizio saranno incentrati sul primo capitolo del gioco da lui ideato, aggiungendo: “HBO ci ha consigliato di allontanarci dall’azione più pura. L’idea era quella di concentrarsi sulle componenti drammatiche dei vari personaggi. Non vedo l’ora che il pubblico possa vedere i vari episodi”.