Covid, la conferenza LIVE del presidente Draghi: le nuove misure

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa parla alla Nazione mostrando le nuove norme anti Covid da attuare in Italia

Mario Draghi presidente del Consiglio
Il presidente del Consiglio Mario Draghi (fonte: Getty Images)

In questi minuti il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, è in conferenza stampa in diretta per parlare alla Nazione della situazione Covid nel paese. In particolare i temi sono il Consiglio Europeo, svoltosi ieri, i vaccini e le decisioni della cabina di regia sulla riapertura delle scuole. Via videoconferenza ci sono alcuni giornalisti che pongono domande al Presidente. La prima dichiarazione rilevante è quella riguardante il vaccino Sputnik, sul quale il Presidente del Consiglio afferma: “Vorrei essere attento a fare contratti su Sputnik perché ieri la presidente della commissione ha messo evidenziato che secondo un’indagine della commissione, parlando col fondo d’investimento russo, possono produrre al massimo 55 milioni di dosi, di cui il 40% in Russia, poi il resto all’estero. Questo è vaccino che si somministra in due dosi, a differenza di Johnson & Johnson. Se va bene il vaccino sarebbe disponibile nella seconda parte dell’anno”.

Covid, il Presidente Draghi: “Scuole aperte fino alle medie anche in zona rossa”

Riprendono Vaccinazioni AstraZeneca Draghi
Mario Draghi, Presidente del Consiglio italiano (Getty Images)

Un’importante parte della conferenza stampa del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, riguarda l’apertura delle scuole. Il Presidente infatti conferma la riapertura e dichiara:  “Riapriranno le scuole fino alla prima media. Per fare in modo che questo avvenga in modo ordinato il Ministro Bianchi e al lavoro. Questa era la volontà complessiva, ovvero che se ci fosse stato uno spazio lo avremmo utilizzato per le scuole fino alla prima media. Secondo le evidenze scientifiche le scuole sono un punto di contagio molto limitato solo se ci sono le altre restrizioni. Le fonti di contagio avvengono attorno alla scuola, quindi più si alza l’attività scolastica più aumentano le possibilità di contagio”.