Al Bano scatena una polemica in studio: “Mi arrabbio”, di che si tratta?

A Live-Non è la d’Urso è apparso alquanto infastidito Al Bano, le sue critiche hanno scatenato una polemica in studio, perché si è detto arrabbiato

Al Bano Live-Non è la d'Urso
Al Bano e Barbara d’Urso (Screenshot video Mediasetplay)

È andata in onda ieri 28 marzo 2021 su Canale 5 l’ultima puntata di Live-Non è la d’Urso, tra gli ospiti anche Al Bano Carrisi.

In studio si è parlato ancora una volta del vaccino anti-Covid. Il noto ed amato cantante ha duramente criticato il modo in cui l’Italia stia gestendo l’organizzazione delle somministrazioni dei vaccini. Lui è ancora in attesa di ricevere la sua dose, anche se nei giorni scorsi ha chiaramente detto che rifiuterà se gli proporranno il vaccino AstraZeneca.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino Covid, Albano rifiuta Astrazeneca: “È successo questo”

In studio Barbara d’Urso ha mostrato un grafico il quale dimostra che continuando con l’attuale gestione si arriverà all’immunità non prima di un anno, a marzo 2022. Dati che hanno infastidito non poco Al Bano, in studio è infatti sbottato. A detta sua non gli sta bene sentire che l’immunità arriverà a marzo del 2022, ha poi aggiunto che si arrabbia.

Albano sbotta a Live-Non è la d’Urso, cosa ha detto il cantante

Barbara d'Urso e Al Bano a Live
Barbara d’Urso e Al Bano (Screenshot video Mediasetplay)

Live-Non è la d’Urso la padrona di casa ha mostrato anche due inchieste, una di queste ha mostrato che mancano le dosi di vaccino anti-Covid in molte zone d’Italia ed è per questo che non si riescono a fare i vaccini. Secondo Al Bano deve essere andato storto qualcosa nelle trattative.

Il cantante ha parlato poi del metodo che è stato adottato in Israele. A parer suo il primo ministro israeliano, Netanyahu, ha agito nel modo migliore contattando i produttori di vaccini direttamente per rifornirsi di ulteriori dosi. Visibilmente infastidito ha poi aggiunto: “Perché non fa la stessa cosa l’Italia?”.