Boris Johnson l’ha (ri)fatta grossa: che cosa rischia il Premier

Non è stato un anno facile, l’ultimo, per il primo ministro inglese Boris Johnson. Il Premier al centro della bufera un anno fa per aver sottovalutato l’emergenza Covid, poi la positività al virus e tutte le polemiche post Brexit. Ora la notizia del mandato a rischio per una relazione extra coniugale.

Boris Johnson regno unito vaccino restrizioni nuovo ceppo virale
Boris Johnson, primo ministro britannico (Getty Images)

Se da una parte la Gran Bretagna sembra in procinto di uscire dalla grave emergenza Covid, anche grazie al duro lockdown che da febbraio è stato istituito sul territorio nazionale, dall’altra il Paese potrebbe presto ‘avere a che fare’ con i vizietti del suo Premier Boris Johnson. Mai banale il primo ministro inglese: un anno fa fecero discutere le sue dichiarazioni sull’immunità di gregge a inizio emergenza sanitaria, uscite che gli valsero numerose critiche a livello internazionale.

Ora, dopo mesi in cui ha anche avuto il Covid e ha condotto in porto la Brexit, una “minaccia” aleggia sul mandato del premier inglese. Il buon Boris, infatti, anni fa ha instaurato una relazione extra coniugale che ora lo metterebbe a serio rischio la sua carica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Boris Johnson, cosa ha detto dell’intervista di Harry e Meghan

Boris Johnson, relazione extraconiugale affare di Stato

La relazione extraconiugale di Boris Johnson con Jennifer Arcuri, giovane imprenditrice nell’ambito delle nuove tecnologie, è diventata una vera e propria questione di stato in Gran Bretagna. Una relazione clandestina oggetto di un’indagine della Greater London Authority, che ora metterebbe a rischio la carriera di Premier dell’attuale Primo Ministro inglese. Il politico, infatti, non avrebbe osservato il principio per il quale chi detiene il potere deve agire sulla base del disinteresse personale, ma solo in termini di interesse pubblico.

Stando agli accusatori del Premier (che potrebbe rischiare di doversi dimettere) la Arcuri avrebbe beneficiato di diversi contratti commerciali proprio grazie alla carica ricoperta da Johnson, partecipando anche ad eventi di particolare prestigio ed importanza (in cui ha raccolto contatti a scopi personali= pur senza avere i requisiti per accedervi.