Tossisce sulle persone senza mascherina: caos al supermercato. Conseguenze gravi

Il giovane nigeriano non la passa liscia dopo aver tossito senza mascherina addosso ai clienti nel supermercato. Le conseguenze per lui sono decisamente pesanti: la ricostruzione dei fatti

Supermercato in tempi di Covid-19
Supermercato in tempi di Covid-19 – Immagine di repertorio (Getty Images)

A più di un anno dal primo lockdown, dovuto alla pandemia da Covid, la psicosi per il virus non smette di influenzare il comportamento degli italiani. Tra complottismi vari che scomodano pipistrelli, topi e quant’altro, ‘no mask’ che scendono in piazza per garantirsi la libertà di girare a volto scoperto, adesso è il turno di chi, in un luogo pubblico, si mette a tossire addosso alle persone.

Del curioso, si fa per dire, episodio oggi sono stati protagonisti i clienti di un supermercato della catena ‘Eurospin’ di Fano, in provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche. Un 26enne nigeriano, infatti, è entrato all’interno dell’esercizio commerciale senza mascherina e ha iniziato a tossire sulle persone in fila alla cassa, senza una motivazione.

LEGGI ANCHE >>> Covid, il vaccino Johnson & Johnson arriva in Italia: c’è la data

Tossisce sui clienti al supermercato senza mascherina: le conseguenze sono gravi

Supermercato in tempi di Covid-19
Supermercato in tempi di Covid-19 – Immagine di repertorio (Getty Images)

Ma la sua ‘bravata’ ha avuto vita breve, perché è stato subito rintracciato dalla polizia vicino ai terminal degli autobus della stazione ferroviaria, arrestato e condannato, non prima però di aver aggredito gli agenti. Quando, infatti, gli sono stati chiesti i documenti, il ragazzo ha tirato dei calci e dei pugni ai poliziotti. Essi l’hanno prontamente immobilizzato. Se non bastasse la violenza, tra le accuse sono finite anche minaccia, resistenza a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla propria identità personale.

Se non altro, però, è risultato negativo al tampone per il Coronavirus, facendo tirare un enorme sospiro di sollievo ai clienti e al personale dell’Eurospin. Stesso sospiro di sollievo che può tirare anche lui, e non per via della sua non positività. La condanna arrivata durante il processo gli ha comminato un anno e dieci mesi di detenzione, ma la pena è stata sospesa. E anche quanto al rimpatrio: non ci sono voli per il ritorno nonostante l’autorizzazione all’espulsione dall’Italia, e quindi il ventiseienne sarà rimpatriato ma ora è libero. Anche di continuare a tossire sulle persone.