Liquore dopo un pasto abbondante? E’ sbagliato! Ecco il perchè

Tutti siamo abituati a bere un bicchierino di liquore dopo un pasto, ma è sbagliatissimo! Potreste solo peggiorare la situazione. Scopriamo il perché

liquore dopo i pasti
Foto di pics_kartub da Pixabay

Il gesto che tutti noi facciamo dopo un pasto abbondante è ordinare un amaro, il classico ammazzacaffè. Quello che non sappiamo è che non è una cosa buona poiché potremmo peggiorare la situazione in cui ci troviamo. Se pensiamo che il liquore ci aiuti nella digestione, sbagliamo. Vediamo insieme il perché e sfatiamo una volta per tutte questa credenza errata.

Liquore o amaro dopo i pasti: ecco perché lo stomaco non vi ringrazierà

liquore dopo i pasti
Foto di pictavio da Pixabay

Ordinare l’ammazzacaffè dopo un pasto abbondante è una cosa sbagliata. Il liquore assunto dopo aver mangiato non aiuta assolutamente nella digestione, bensì la complica. Il tasso alcolemico contenuto nei liquori fa sì che le pareti del nostro stomaco si irritano complicando così la situazione. Anche se optate per liquori a base di erbe o spezie, la cosa non cambia.

Renderà molto più acidi i succhi gastrici recandovi ancor di più fastidio, anche se apparentemente potete provare una sensazione di piacere. Ciò che può tornarvi utile è il vino. Cercate di bere un bicchiere di vino (ovviamente senza esagerare) durante il pasto. Scegliete una gradazione bassa e sorseggiatelo lentamente, vi aiuterà a non sovraccaricarvi e a non rallentare il vostro organismo.

Una tecnica utilissima soprattutto in questi giorni di festa dove il motto è: sedersi a tavola e mangiare! Oltre ad evitare l’amaro, cercate di non consumare alcool prima di mangiare, quindi a stomaco vuoto. Dei semplici  accorgimenti che vi permetteranno di non stare male sia prima che dopo una grande abbuffata. Detto questo, auguriamo a tutti voi una serena Pasqua, con la speranza che sia l’ultima passata senza i nostri affetti più cari.

Buon Pasqua a tutti!