Di Martedì, il ministro Speranza avverte: “Non è il momento”

Ospite di Giovanni Floris a Di Martedì il ministro della salute Roberto Speranza spiazza con un avvertimento chiaro e preciso: “Non è il momento”

floris e speranza
Il conduttore di “Di Martedì” Giovanni Floris e il Ministro della Salute Roberto Speranza (screenshot video)

L’intervento del ministro della salute Roberto Speranza ha aperto la puntata di ieri sera del talk “Dì martedi” condotto da Giovanni Floris. Il focus è stato ovviamente la pandemia da Covid-19 e i provvedimenti del governo atti ad arginare i contagi.

Il membro del governo di Mario Draghi ha risposto agli esponenti politici che chiedono le sue dimissioni. “Io ho giurato sulla Costituzione e a quella devo rispondere“, queste le parole del Ministro che poi incalza: “sbaglia chi fa politica sulla pandemia. Bisogna unire l’Italia e fare quest’ultimo sforzo perché non manca tanto, la campagna di vaccinazione presto darà risultati positivi, saremo in grado di programmare un futuro diverso. Quindi dico non proviamo a prendere voti sulla pandemia“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Matteo Renzi rivela in diretta: “Mia moglie ha il Covid nonostante il vaccino”

L’avvertimento del ministro della salute Speranza a Di Martedì

roberto speranza di martedì
Roberto Speranza a Di Martedì (screenshot video)

Pasqua è da poco passata e nelle giornate di festa si sono susseguite molte polemiche sugli italiani che hanno deciso di trascorrere qualche giorno di vacanza all’estero. Il ministro Speranza è apparso piuttosto chiaro, nel corso della trasmissione “Di martedì’,  sull’argomento viaggi. “Non è il momento per i viaggi, lo abbiamo detto, anche la quarantena è un deterrente“, afferma il membro del governo.

Il ministro ha speso poi qualche parola sul futuro: “nelle prossime settimane, grazie alle misure che abbiamo adottato e all’accelerazione della campagna vaccinale andremo nella direzione giusta. Abbiamo dei sacrifici da fare e sono consapevole della sofferenza e disagio– spiega il ministro- non firmiamo a cuore leggero un’ordinanza ma per la difesa del diritto alla salute“.