Zona rossa, le ultime novità: regole e cambi di colore per le regioni

Oggi nuovo cambio per il colore delle regioni italiane. Ancora solo zone rosse e arancioni. Ecco tutte le regole da seguire

Sport nuovo decreto Covid
Ragazza che corre (Getty images)

Arriva un nuovo cambio nel colore delle regioni italiane. Saranno ancora solamente due le possibili zone: quella rossa e quella arancione. La prima corrisponde a rischio elevato di contagio Covid-19 mentre la seconda a rischio epidemico moderato. La zona gialla, quella rispondente al rischio basso, non ci sarà ancora per un po’, fino alla fine del mese di Aprile. Dopo la Pasqua “blindata” vediamo ora quali sono le regole da seguire.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute dell’8 aprile 2021

Colore delle regioni, le regole da seguire per le zone rossa e arancione

Bar chiuso emergenza Covid
Bar chiuso emergenza Covid (Getty images)

La novità principale, secondo le disposizioni del nuovo decreto, sta nel fatto che anche in zona rossa le scuole fino alla prima media saranno in presenza. Gli alunni più piccoli, quindi, potranno andare a scuola in ogni caso. In zona arancione, invece, per gli altri sarà possibile frequentare in presenza dal 50 al 75% degli studenti. In zona rossa l’attività didattica, dalla seconda media in poi, si svolgerà a distanza (DAD). E’ fatta comunque salva la possibilità dell’attività in presenza per alunni con particolari bisogni educativi o con disabilità.

In zona arancione sarà possibile spostarsi (non più di due persone) una sola volta al giorno verso un’abitazione privata nel comune dove si ha la residenza o domicilio. In zona rossa ciò non sarà possibile. Le attività di bar e ristorazione sono sospese, fatto salvo l’asporto per i bar e la consegna a domicilio per ristoranti. Confermata la chiusura di palestre e piscine, in zona arancione è consentito svolgere attività motoria all’aperto.

Esercizi commerciali aperti in zona arancione, mentre saranno chiusi in zona rossa. Il coprifuoco dalle 22 alle 5 risulta confermato.