Home Blog

Il CEO di Nvidia afferma che i laptop RTX sono alla stregua dell’Xbox Series X e della PS5

nvidia

Jensen Huang, CEO di Nvidia, ha mantenuto la promessa della grafica RTX e dal ray-tracing, in particolare quelle dei laptop da gioco GeForce, convincendosi che sono come delle console che non avranno nulla da invidiare alle nuove PS5 e Xbox Series X.

“Sono convinto che questa sarà la più grande console di gioco al mondo”, ha dichiarato Huang. “La ragione di ciò è perché ci sono più persone che usano laptop di quante ce ne siano con qualsiasi altro dispositivo”. Ovviamente, questa è una dichiarazione deliberatamente di parte da parte dell’amministratore, ma l’intento è quello di sottolineare il successo dei laptop di gioco Nvidia spinti dalla grafica RTX e dai nuovi design Max-Q.

Colette Kress, direttore finanziario di Nvidia, ha evidenziato come, durante il periodo natalizio, i rivenditori hanno fornito il numero record di 125 modelli di laptop da gioco che presentano soluzioni grafiche Nvidia, con il numero di progetti Max-Q praticamente raddoppiato. Huang ha anche parlato del successo delle schede grafiche RTX in generale: “Abbiamo finalmente portato l’RTX a 299 dollari. Le vendite in tutto il mondo stanno andando alla grande”.

Per quanto riguarda il ray-tracing, è la nuova funzionalità più importante della grafica di prossima generazione. I giochi che sfruttano tale tecnologia saranno più di 30, con 11 che sono stati già spediti.

Nvidia ha appena lanciato il suo servizio di streaming di giochi “GeForce Now”. Oltre a realizzare nuovi laptop di gioco avvincenti e potenti, l’azienda intende dare agli utenti la possibilità di poter giocare su qualsiasi vecchio notebook o addirittura smartphone Android. Tuttavia, GeForce Now ha subito iniziale contrattempo dopo che Activision Blizzard ha ritirato il suo catalogo completo di giochi, inclusi titoli importanti come Call of Duty e Overwatch.

Bambini di una scuola inglese hanno creato un’aula con 3000 bottiglie riciclate

bottiglie

Una scuola del Lancashire ha radunato i suoi studenti per costruire un’aula interamente riciclata con 3000 bottiglie di plastica. Nell’ultimo anno, gli alunni della RC Primary School di St Mary ad Accrington hanno lavorato per trasformare due tonnellate di plastica riciclata in “mattoni ecologici”, che sono stati poi utilizzati per costruire la struttura della loro classe all’aperto.

Grazie all’aiuto della comunità, gli studenti hanno raccolto rifiuti come involucri per dolci, cellophane e sacchetti di plastica e li hanno inseriti in bottiglie di latte da due litri per creare i “mattoni”, i quali sono poi stati impilati per formare un’area di lettura, sedie, tavoli e persino una capanna, permettendo ai bambini di godersi le lezioni all’aperto.

Parlando del progetto, il preside Michael ha dichiarato: “Finora la scuola, la comunità e la chiesa hanno raccolto 3000 eco-mattoni, il che equivale a due tonnellate di rifiuti di plastica che sarebbero andati a finire nelle discariche o negli oceani. Invece, li abbiamo utilizzati per creare le strutture che possono essere sfruttate dagli alunni. Quello che voglio fare è educarli su ciò che possono fare per aiutare l’ambiente”.

Oltre ad avere strutture realizzate con prodotti riciclati, l’aula ha fioriere dove i bambini possono coltivare i propri ortaggi, che possono poi essere donati alle banche del cibo. “I bambini stanno imparando quanto siano pericolosi i rifiuti di plastica che entrano nell’ambiente”, ha affermato il preside. “Inoltre imparano modi nuovi e innovativi per rispettare e aiutare l’ambiente, riducendo contemporaneamente la loro impronta di carbonio, che sta causando i cambiamenti climatici”.

I cambiamenti climatici sono una minaccia seria per il futuro dell’umanità; ogni abitante della Terra deve fare la propria parte per aiutare a salvare il pianeta. Insegnare ai bambini come essere rispettosi dell’ambiente fin dalla giovane età li incoraggia a mantenere abitudini positive per tutta la vita, sperando che creino un impatto costante e duraturo.

Milano, primo caso di coronavirus accertato: un 38enne italiano è ricoverato a Codogno

coronavirus-italiano-infetto-italia
coronavirus-italiano-infetto-italia

Il primo provvedimento preso dalle autorità ha riguardato la chiusura degli accessi al Pronto Soccorso dell’ospedale di Codogno, a livello cautelativo. L’uomo è in terapia intensiva

Confermato il primo caso di coronavirus in Lombardia, a Codogno (Lodi), alle porte della provincia di Milano. Il paziente è un 38enne italiano risultato positivo al test. L’uomo attualmente è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno. A confermare la notizia è l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, che ha anche aggiunto che “sono in corso le controanalisi a cura dell’Istituto Superiore di Sanità”.

Un caso di coronavirus in Lombardia

Il primo provvedimento preso dalle autorità ha riguardato la chiusura degli accessi al Pronto Soccorso dell’ospedale di Codogno, così come l’interruzione delle attività programmate, a livello cautelativo.

Anche le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e saranno sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie. Pare che il 38enne sia arrivato al nosocomio giovedì 20, manifestava una grave insufficienza respiratoria. E i test successivi hanno confermato i sospetti degli specialisti.

Il paziente – che non è stato in Cina di recente – potrebbe aver contratto il virus durante una cena con una persona rientrata da un viaggio in Cina a fine gennaio. L’uomo, manager di un’azienda di Fiorenzuola D’Arda, sarebbe rientrato dalla Cina il 21 gennaio. Per questo è stato trasportato all’ospedale Sacco di Milano per i controlli, anche se, come appreso da MilanoToday, il primo test è risultato negativo.

Chi è l’uomo che ha contratto il coronavirus

Il paziente 38enne è originario di Castiglione D’Adda ma vive proprio a Codogno. L’uomo, come appreso da MilanoToday, è sposato e non ha figli. La moglie, messa in isolamento all’ospedale Sacco, è all’ottavo mese di gravidanza. E attualmente i medici stanno valutando la possibilità di farla partorire in anticipo. Su di lei sono stati eseguiti i primi test per capire se abbia contratto il virus.

Anche suo marito, il 38enne, verrà trasferito dall’ospedale di Codogno al Sacco. Medici e infermieri dell’ospedale di Codogno, così come altri pazienti e persone vicine al 38enne sono in queste ore sottoposte a controlli specifici per compredendere il loro stato di salute.

Poco dopo la conferma del primo caso, Roberto Burioni, uno dei più noti virologi italiani, ha invitato tutti a tenere alta l’attenzione. “Le ultime notizie mi portano a ripetere per l’ennesima volta l’unica cosa importante – ha scritto su Facebook -. Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena. Senza eccezioni. Spero che i politici lo capiscano perché le conseguenze di un errore sarebbero irreparabili”. 

Coronavirus, oltre cento casi sospetti controllati

Fino al caso del 38enne, gli ospedali lombardi avevano controllato oltre cento casi sospetti di coronavirus. Fortunatamente nessuno di quei casi era stato confermato. Dalla Lombardia, precisamente dall’aeroporto di Malpensa, era invece passata la coppia cinese di 67 e 66 anni originaria di Wuhan. Marito e moglie, arrivati per turismo il 23 gennaio, erano stati i primi due casi in Italia. 

I controlli negli aeroporti: solo la temperatura

Da inizio febbraio, intanto, sono scattati i controlli per il contagio da coronavirus a Malpensa e a Linate: a tutti i passeggeri in arrivo con voli internazionali viene misurata la temperatura. Per i controlli vengono utilizzati gli scanner termici ma dei termometri digitali a pistola. Entrambi gli strumenti, comunque, non sono in grado di determinare chi ha è stato contagiato dall’agente patogeno ma soltanto se il passeggero ha la febbre. “

DI: http://www.milanotoday.it/attualita/coronavirus-codogno.html

La Pupa e il Secchione e Viceversa: trionfo di Maria Assunta Scalzi e Stefano Beacco

La Pupa e il Secchione e viceversa
La Pupa e il Secchione e viceversa

Martedì 18 febbraio è andata in onda l’ultima puntata de “La Pupa e il Secchione e Viceversa”, reality condotto da Paolo Ruffini affiancato da Francesca Cipriani. I vincitori sono stati il pupo Stefano Beacco e la secchiona Maria Assunta Scalzi.

La prova decisiva “Nudi alla meta” si è tinta di colori molto “hot”. Stefano e Maria hanno sfidato Stella e Santagati nel percorso ad ostacoli, da affrontare con occhialetti schermati, che prevedeva di levarsi un indumento. L’obiettivo era quello di abbracciarsi nel minore tempo possibile. Siccome ogni indumento tenuto addosso imponeva una penalità, Stefano e Maria hanno rischiato tutto denudandosi completamente.

Giunti alla meta con un leggero distacco dalle altre coppie, entrambi si sono sottoposti alla sfida culturale, riuscendo a sbaragliare tutti, giudicati da un ospite d’eccezione, Alessandro Cecchi Paone. Gli errori della Manente sono stati decisivi per la vittoria finale della coppia. Dopo che Ruffini ha incoronato la coppia vincente, la Scalzi ha commentato: “Sono riuscita ad essere me stessa perché non mi sono mai sentita sotto giudizio. A questo punto, non so più se posso sentirmi una secchiona”. Il montepremi per la vittoria è di 20.000 euro.

La strana coppia ha avuto molti consensi da parte del pubblico. I fans, soprattutto, sperano che tra i due nasca l’amore e la passione fuori dal programma, considerando le parole dette dallo stesso Stefano: “Grazie alla mia compagna di avventure, sono cresciuto molto, ho imparato a conoscere me stesso e sono diventato consapevole di cose che non avrei mai pensato di avere”. L’avventura è quindi finita. Il pubblico di casa ha apprezzato molto il reality e spera che venga riproposto nella prossima stagione televisiva.

Microsoft ha unificato Word, Excel e Power Point in un’unica app Android

Microsoft
Microsoft

Su tablet e smartphone possono essere installate tutte le applicazioni che si desiderano, fino ad esaurimento della memoria interna ed esterna. Una strada interessante che le aziende produttrici di software sarebbe quella di incorporare, se possibile, differenti applicazioni proprietarie in una sola.

Alzi la mano chi, fino ad ora, non ha trovato scomodo leggere su un dispositivo portatile documenti Excel, Word e PowerPoint nelle applicazioni separate, anche quando ha dovuto farlo raramente.

Da oggi in poi, questa preoccupazione non ci sarà più: Microsoft ha appena rilasciato la prima applicazione Office unificata per tutti i dispositivi Android. Precedentemente, era stata messa a disposizione in anteprima per Office Insiders, ma limitatamente per un piccolo gruppo di utenti a novembre 2019. Adesso, invece, è stata ufficialmente rilasciata ed è disponibile per il download nel Play Store.

L’applicazione non si limita a consentire di leggere e modificare i documenti Word, Excel e Power Point. Tra le funzionalità a disposizione dell’utente ci sono:

  • Lettura e firma di documenti PDF.
  • Scansione di testo da immagini, tra cui i fogli di calcolo.
  • Trasferimento di file su computer o dispositivi vicini.
  • Scansione di immagini utilizzando la fotocamera del telefono.
  • Rapida annotazione delle note, che si possono sincronizzare utilizzando l’applicazione Sticky Notes per Windows 10.

L’unica cosa che Microsoft non ha chiarito è se intende più avanti eliminare le tre applicazioni separate oppure continuare a farle viaggiare in parallelo con l’applicazione Office. Inoltre, non è stata data nessuna conferma ufficiale sulla distribuzione della stessa per i dispositivi iOS. Chi ha già avuto modo di utilizzare l’applicazione in anteprima, ha fatto notare all’azienda che il suo funzionamento sui tablet è alquanto instabile.

Serena Enardu eliminata dal GF Vip. Duro sfogo di Antonella Elia contro il reality

Serena Enardu
Serena Enardu

La puntata di ieri del Grande Fratello Vip ha decretato l’uscita dalla Casa di Serena Enardu, ex tronista di Uomini e Donne, con il 34% delle preferenze.

Giunta in studio dopo l’eliminazione, la Enardu ha risposto alle consuete domande di Alfonso Signorini. “Nella casa non sono entrata io ma la mia storia con Pago”, ha dichiarato. “L’ho fatto solo per lui, per non dargli ulteriori pesi. Purtroppo, la nostra relazione mi è costata l’eliminazione. Esco, però, con tanta serenità dentro perché adesso so che lui è sereno e che il nostro futuro è stare insieme”.

Signorini le ha poi posto la domanda che in tanti aspettavano: “Vi sposerete?”. Senza pensarci un attimo, Serena ha risposto: “Credo di sì”. I fan della coppia sono stati accontentati.

Non si è fatto attendere il commento di Giovanni Conversano sull’eliminazione. Con il solito commento tra l’ironico e il polemico, l’ex della Enardu ha commentato: “Il pubblico dei reality è la terza volta che decreta la tua eliminazione. Per quale motivo? Fatti una domanda e datti una risposta. Il tempo di vittimismo, menzogna e ipocrisia è finito. Devi imparare che chi semina vento, raccoglie tempesta”.

Durante la trasmissione, c’è stato il pesante sfogo da parte di Antonella Elia, che ha lanciato delle gravi accuse verso la produzione del reality: “Non volevo partecipare e vorrei andarmene subito. Mi usano per fare audience, e il mio amico mi aveva avvisata di non entrare nella Casa del Grande Fratello Vip. Sono venuta solo per quattro soldi del ca**o. Soltanto per questo non voglio abbandonare la Casa”.

Lo sfogo, avvenuto durante la pausa pubblicitaria, è proseguito anche dopo: “Fate tutto questo soltanto per ottenere maggiori ascolti. E’ una vergogna! Mi usate per questo, siete tutti dei mostri!”. Alfonso Signorini, per difendere la credibilità del format, ha risposto per le rime: “I termini che hai usato sono forti. Qui violenza e bullismo non c’entrano nulla. Hai esagerato”.

I bombi stanno scomparendo più velocemente di quanto si possa pensare

bombi

Secondo un nuovo studio, nel giro di una sola generazione umana, le probabilità di sopravvivenza di un calabrone sono diminuite in media di oltre il 30%.

Con l’aumento della temperatura globale e il tasso di precipitazione sempre più estremo, è probabile che i bombi abbiano difficoltà ad adattarsi ai loro ambienti. Inoltre, le ondate di caldo e la siccità previste creeranno ambienti spesso super asciutti, che potrebbero danneggiare i fiori da cui gli insetti dipendono per il cibo.

Tra il 1975 e il 2000, il tasso di sopravvivenza dei calabroni europei è diminuito in media del 17%, mentre quello dei nordamericani è sceso del 46%. Un team di ricercatori dell’Università di Ottawa hanno creato un modello per stimare la probabilità di declino del calabrone tra 66 diverse specie presenti in Nord America ed Europa: le proiezioni incorporano le tolleranze di temperatura di ogni specie, sempre più messe alla prova da un pianeta in fase di riscaldamento. Calcolando i vari tassi di sopravvivenza, il team ha scoperto che un’estinzione di massa potrebbe avvenire nel giro di pochi decenni.

Il team ha anche osservato quanto le alte temperature più frequenti danneggino la capacità di una specie di colonizzare nuove aree e aumenti il ​​rischio di un’estinzione locale. Anche se gli scienziati non sanno perché ciò accada, il calore probabilmente mette a dura prova il metabolismo e le fonti alimentari di un’ape. Pertanto, le specie che vivono in aree con picchi di temperatura più drastici sono particolarmente vulnerabili.

Così come tutta la natura affronta minacce di estinzione senza precedenti (in particolare gli insetti nel loro insieme), il modello potrebbe prevedere la perdita di biodiversità per altri organismi importanti.

I bombi sono grandi e pelosi per adattarsi ai climi rigidi. A differenza della maggior parte degli insetti, prosperano in regioni più fredde e più temperate e vivono raramente in aree più calde; pertanto, non sono particolarmente preparati al surriscaldamento della Terra. L’ecosistema ha bisogno di bombi perché sono i migliori impollinatori e i più efficaci nelle colture come zucca, pomodori e bacche.

Un test rivela che il display di vetro del Galaxy Z Flip non è resistente come si credeva

Samsung
Samsung

Chi pensava che il vetro sottile del Galaxy Z Flip potesse essere più a lungo resistente di quello di plastica degli altri smartphone pieghevoli rimarrà deluso. In un test condotto da un utente, il display del Z Flip ha iniziato a mostrare segni e graffi permanenti molto prima rispetto ad un vero vetro. Per testarne la durezza, l’utente ha utilizzato la “scala Mohs”. Solitamente, gli smartphone moderni presentano graffi a partire dal livello 6, con scanalature più profonde nel livello 7.

I primi danni nello Z Flip appaiono già nel livello 2 e, in modo più marcato, in quello 3, alla pari con gli schermi di plastica del Galaxy Fold e del Motorola Razr. Alla fine del video-test, l’utente ha iniziato a colpire i profondi graffi sul display, senza però riuscire ad infrangere il vetro.

Durante la presentazione dello Z Flip, Samsung ha evitato di rispondere a chi chiedeva chi fosse l’azienda produttrice del vetro, le modalità di produzione e in che modo fosse stato piegato. Soltanto successivamente l’azienda ha rilasciato alcuni dettagli tecnici. Il display dello Z Flip possiede un vetro sottile per offrire all’utente un aspetto elegante, di qualità e una visione coinvolgente. Inoltre, è dotato di uno strato protettivo molto simile al Fold. Con questa dichiarazione, Samsung vuole forse intendere che i graffi vengono prodotto soltanto sullo strato protettivo? Possibile.

Nella scorsa settimana, da più parti è stato chiesto a Samsung se intende offrire un servizio di sostituzione del display dello Z Flip alla stregua di quanto succede già con il Galaxy Fold. L’azienda ha risposto che la sostituzione avviene pagando 119 dollari, con la possibilità di ottenere gratuitamente la protezione per lo schermo.

Tre nuove concorrenti entreranno nella Casa del Grande Fratello Vip

grande fratello vip

Gli amanti del Grande Fratello Vip stanno attendendo con pazienza la puntata che andrà in onda stasera. Il motivo? Oltre alle tensioni ormai presenti all’interno della Casa, le ultime indiscrezioni parlano di tre nuove aspiranti concorrenti che oltrepasseranno la celeberrima porta rossa che separa il mondo esterno dal bunker di lusso.

Siccome la situazione all’interno della Casa è abbastanza chiara, con il gruppo che si è ormai spaccato, l’ingresso di nuovi inquilini potrebbe causare ulteriori spaccature, ricompattare tutto oppure dare vita a nuove alleanze. Di queste tre nuove concorrenti, soltanto una alla fine potrà stabilirsi all’interno della Casa e concorrere alla vittoria finale.

I nomi? Per adesso ne sono stati svelati soltanto due: una è l’ex conduttrice Patrizia Rossetti, l’altra è Teresanna, famosa per essere stata ex corteggiatrice di Francesco Monte nella trasmissione “Uomini e Donne” condotta da Maria De Filippi.

Il nome di Patrizia Rossetti era stato annunciato già nei giorni scorsi. Molti si stanno già chiedendo cosa porterà all’interno della Casa più spiata dagli italiani. Per coloro che non la conoscessero, la Rossetti per tanti anni è stata volto noto nel mondo televisivo. Presentò, nel lontano 1982, il Festival di Sanremo a fianco di Claudio Cecchetto, per poi diventare famosa e conosciutissima grazie ad alcune trasmissioni condotte su Rete 4. Quale sarà la reazione degli altri vip, ignari di questi nuovi ingressi? La risposta si avrà stasera.

L’attesa, però, è concentrata maggiormente sull’esito del televoto, che vede in lizza Serena Enardu e Fabio Testi. Uno dei due, a fine puntata, dovrà abbandonare definitivamente la Casa del Grande Fratello Vip.

GF Vip: la lite tra Serena Enardu e Pago ha lasciato degli strascichi nella casa

grande fratello vip

Una lite, furibonda o meno che sia, lascia inevitabilmente degli strascichi. Nella Casa del Grande Fratello Vip, quella tra Serena Enardu e Pago non è da meno. Il cantante, all’interno del confessionale, ha manifestato seri dubbi sulla propria compagna.

Nel corso della decima puntata del reality condotto da Alfonso Signorini, Pedro ha informato suo fratello Pago di alcuni like che Serena aveva messo sul profilo Instagram di Alessandro Graziani, un suo ex pretendente. Questo piccolo scoop sembra aver fatto cambiare idea a Pago, che si è precedentemente schierato dalla parte della sua compagna. “Il suo amore per me è indubbio”, ha confessato Pago, “ma alcune cose meritano un po’ più di attenzione. Chi mi considera una roccia o una sorta di super uomo si sbaglia. Sono stato molto ingenuo quando ho pensato che alcune cose non potevano accadere. Invece, i danni che mi hanno causato sono evidenti. Sono un po’ stanco”.

Ciò che è accaduto all’interno della Casa del Grande Fratello tra i due concorrenti / fidanzati ha diviso gli altri inquilini. Alcuni, come Denver e Zequila, pensano che all’ex tronista interessi poco o nulla diventare famoso, mentre altri la pensano diversamente, come Fernanda Lessa, la quale ha affermato che Pago era più felice quando era solo e faceva divertire un po’ tutti. “Adesso si è completamente isolato”, ha rivelato.

Dello stesso parere Andrea Montovoli: “Pacifico ha cambiato atteggiamento rispetto ai primi giorni, dove il suo interesse esclusivo era quello di intraprendere un certo percorso all’interno della Casa. Adesso, invece, l’unica cosa che gli interessa è il rapporto con Serena”.

Mentre Patrick Ray Pugliese descrive Pago come “uno che ha gli occhi foderati di prosciutto”, Paola Di Benedetto pensa che il suo comportamento sia più riflessivo e improntata a valutare la possibilità di un’opzione B.

La Consob ha chiuso due piattaforme crittografiche

criptovalute
criptovalute

La Consob ha chiuso otto siti Web perché offrivano illegalmente dei servizi, tra cui forex, CFD e trading di criptovaluta.

Dopo averne bloccati 150 siti negli ultimi mesi, nel suo ultimo giro di vite la Consob ha chiesto ai provider il blocco di questi otto perché non hanno aderito agli standard richiesti. La maggior parte dei siti interessati sono nel settore del trading forex e CFD. Includono Trade Com Limited (fxonspot.com) e Waltika Partners Ltd (alliance-capital.cc). Altri sono MarketsFX, GotechFX e Honest Capital Ltd.

2-Neanche il settore delle criptovalute è stata risparmiato. La Consob ha ordinato la chiusura di CryptoBase (cryptobase.life), il quale offre servizi di intermediazione per diverse cose, tra cui criptovalute, indici, materie prime e valute. La società ha sede in Svizzera.

La repressione della società svizzera segue la modifica del processo utilizzato dalla CONSOB per identificare la non conformità nel settore dei titoli italiani. Nel luglio di luglio dello scorso anno, l’autorità ha anche acquisito i poteri per ordinare agli ISP in Italia di bloccare i siti.

Nel dicembre del 2019, ordinò la chiusura di Hoch Capital Ltd., un broker forex e CFD con sede a Limassol (Cipro). Era la prima volta che il regolatore ordinava a un’azienda di desistere dall’offrire i propri servizi ai trader italiani. Hoch è regolato dall’autorità di regolamentazione cipriota CySEC. Tuttavia, all’epoca la Consob affermò che la società, nonostante gli avvertimenti, aveva continuato a infrangere le norme di mercato stabilite dalla CySEC.

La CONSOB si unisce ad altri regolatori europei in fatto di severità nei confronti dei fornitori di servizi di crittografia, tra cui la FCA (Autorità di condotta finanziaria del Regno Unito), da sempre leader nella regolamentazione e supervisione delle criptovalute. La FCA ha recentemente acquisito una maggiore supervisione del settore delle criptovalute ed è ora responsabile della conformità AML e KYC.

Moric vs Favoloso: a “Non è la D’Urso” mostrati i risultati della perizia medica

luigi favoloso e nina moric

Non c’è pace per Nina Moric. Durante la trasmissione Live – Non è la D’Urso del 9 febbraio, i genitori di Luigi Favoloso l’hanno accusata di essere una bugiarda. La D’Urso, a difesa dell’ex-modella, ha rilasciato i dati della perizia condotta sul corpo della Moric, che pare essere stato vessato dalle percosse del suo ex.

Accusata dal padre di Favoloso, Nina si è subito difesa: “Potevo morire. Per questo ho allegato le foto, che non sono finite. Oltre ad essere vittima, sono stata manipolata da un narcisista. Pretendo rispetto da te, sono vittima di tuo figlio. Ho subito violenze fisiche e psicologiche”.

La Fiorentino, madre di Luigi, ha subito replicato: “Quando ti hanno tolto Carlos, mio figlio era a casa con me e tu lo sai. Le foto che fai vedere sono finte e alcune riguardano dei lifting che hai fatto. Una volta ti si è rotto un punto, ti è uscito del sangue e hai fatto la foto. Siccome la tua faccia è un cantiere perpetuo, hai messo un’altra fotografia dove hai fatto il botox”.

Nina, dopo essersi difesa dalle illazioni della Fiorentino, ha nuovamente attaccato Michele, padre di Favoloso: “Se non sbaglio Signor Michele lei è agli arresti domiciliari e non può uscire di casa dopo una certa ora. Visto che è stato condannato a due anni e quattro mesi, ciò spiega da che famiglia proviene Luigi”. La Moric si è poi scusata per queste esternazioni. Michele, però, non avendo digerito tale attacco, ha replicato: “Tutto quello che hai detto non risponde a verità! Ti denuncerò! Sei veramente scorretta e non ti devi permettere di dire certe cose! Non c’entra nulla questo nella questione che stiamo affrontando”.

La D’Urso, per porre fini ai battibecchi, ha mostrato il video delle perizie mediche. I tre chirurghi che hanno controllato le foto hanno riscontrato che i lividi sul viso della Moric sarebbero riconducibili ad interventi di liposuzione. “Non sono una persona orrende e schifosa”, si è difesa la Moric. “Non manderei mai foto di una liposuzione. Una donna del genere non merita di essere una madre!”.

Mercato cripto nuovamente rialzista? I 5 suggerimenti da seguire

criptovalute
criptovalute

Dopo due anni di inverno per le criptovalute, il mercato rialzista è pronto ad offrire nuove opportunità e guadagni. Di seguito, cinque suggerimenti da seguire assolutamente.

Fondi a rischio? Meglio tenerli fuori dallo scambio a fine trading

Solitamente, gli scambi sono insicuri, indipendentemente che vengano hackerati o meno oppure utilizzati per truffe. Insomma, i fondi in borsa sono sempre a rischio. Quindi, è sempre meglio ottenerli fuori dallo scambio di cripto dopo aver finito il trading.

Evitare di parlare dei propri cripto-successi sui social media

Nel corso dell’ultimo mercato rialzista, diverse persone sono state rapinate e derubate di tutto. Tutto perché volevano vantarsi dei propri successi sui social media. Evitare di farlo, equivale a dipingersi un bersaglio rosso sulla schiena. Molti profili social indicano le generalità di una persona, dove vive, dove si trova, chi sono i suoi amici, la sua famiglia, ecc. Tutte informazioni che i criminali informatici non dovrebbero conoscere, soprattutto quando leggono i movimenti di cripto.

Tenere le monete in un portafoglio hardware offline

Conservare sempre le proprie monete offline in un portafoglio hardware, magari in posizioni diverse ma sicure. L’hacking e il ransomware sono autentiche epidemie virtuali, e tenere le monete lontane dal laptop in un portafoglio hardware è un modo semplice per evitare il rischio di perderle tutte.

Non fidarsi di chi organizza corsi a pagamento o vende segnali di trading

Durante l’epoca d’oro di Bitcoin, sono apparsi dal nulla tantissimi coach di trading che offrivano corsi e segnali di trading a pagamento. Nessuno che ha successo venderebbe ad altri i suoi segreti, a meno che non sia un truffatore. Appunto. Per imparare a fare trading, basta semplicemente partecipare a corsi gratuiti oppure leggere e-book sul trading, ma soprattutto fare molta pratica con un account demo.

Fare una ricerca approfondita sui progetti cripto su cui si investe

Il mondo delle criptovalute è pieno di truffatori poiché è un mercato prevalentemente non regolamentato e con asset al portatore di grande valore. Di conseguenza, attrae tantissime persone senza scrupoli. Durante l’Ico-mania del 2017, si sono verificate tantissime truffe e investimenti fuori da ogni logica.

Questi avvenimenti hanno costretto le autorità di regolamentazione del mondo ad entrare nel mondo delle cripto e mettere fine alle truffe. Onde evitare problemi, fare una ricerca approfondita e intelligente in modo da essere pienamente consapevoli di ciò su cui si sta investendo.

La seconda serata di Sanremo è stata “da ore piccole”, ma lo share è balzato al 53%

Sanremo 2020
Sanremo 2020

Anche se il successo di una trasmissione come Sanremo è legato allo share, che ha raggiunto nella seconda serata il 53%, non è comunque un valido motivo per trascinarsi a poche ore dall’alba (chiusura alla 01.43). Per la terza serata, Amedeus ha promesso di tagliare un po’ corto (almeno si spera).

“Snellirò alcune cose”, ha dichiarato il conduttore. “In effetti siamo andati un po’ alla lunga. Un peccato veniale, accostabile a quello di mia nonna che cucinava due primi, due secondi, tre contorni quando invitavo a cena i miei amici. Lo faceva per farmi fare bella figura. Stessa cosa per il Festival, dove stiamo cercando di dare più di quello che è lecito. Nella terza serata daremo priorità assoluta alle canzoni, lo show verrà messo in secondo piano. Insomma, smusseremo e accelereremo le cose. Non vogliamo che sabato il vincitore venga dichiarato poco prima della colazione”.

Il terzo appuntamento della kermesse canora prevede le cover da parte dei cantanti in competizione e l’esibizione di Roberto Begnini, che dovrebbe avvenire intorno alle 22.30. Durata? 40 minuti, che sicuramente saranno ben spesi dall’attore toscano. “Ciò che farà è particolarmente intensa e forte”, ha confessato Amedeus. “Non gli chiederò quanto durerà il suo monologo, che sarà legato ad un tema importante come l’amore”.

Alketa Vejsiu e Georgina Rodriguez, compagna di Cristiano Ronaldo, saranno le due signore della terza serata. La conduttrice albanese ha dichiarato: “La tv e la radio italiana sono state mie compagne d’infanzia. Lavoro in televisione ormai da 20 anni e per me lavorare con quella italiana è un sogno che si realizza. Visto che stasera non ci sarà Fiorello, prenderò io il suo posto”.

Il governo intende dare vita alla riforma fiscale entro il mese di aprile

fisco

Dopo la vittoria delle regionali in Emilia-Romagna, il governo giallorosso sembra più rinfrancato e possibilista nell’arrivare a fino mandato. Per questo motivo, il premier Giuseppe Conte ha riunito i capi-delegazione della maggioranza per discutere sulle cose da fare da qui fino al 2023.

I due cardini da cui partite sono tasse e lavoro. Il premier ha confermato la necessità di un piano di riforma dell’Irpef. Vanno trovate però le risorse, anche se una è già disponibile: i 5 miliardi di euro accantonati per ridurre il cuneo fiscale nel 2021. Una legge delega in merito dovrebbe essere presentata in Parlamento entro aprile, che scongiurerebbe eventuali rimodulazioni dell’IVA. Ad accompagnarla la revisione del sistema delle detrazioni, necessaria dopo le pressioni arrivate dal Fondo Monetario Internazionale.

“Le buone intenzioni ci sono, ma necessitano di molta cautela”, ha affermato il ministro del Tesoro Gualtieri. “Il nostro obiettivo principale è ridurre le tasse per l’intero comparto lavorativo. La rimodulazione del nostro sistema di tassazione sui consumi si basa su ragioni solide. Potrebbe riuscire a generare quelle risorse aggiuntive che andrebbero a ridurre il carico fiscale. Però, altre ragioni potrebbe affermare di lasciare tutto invariato”.

Il premier Conte appare tutt’altro che contrario, considerando soprattutto che tale politica fiscale potrebbe andare a compensare l’accorpamento delle aliquote per i redditi più bassi. L’ostacolo principale è convincere tutti gli alleati di governo. Attualmente, i Cinque Stelle stanno vivendo una fase piuttosto convulsa, sancita dalle dimissioni di Luigi Di Maio dalla carica di leader. Da parte loro, non ci sono proposte valide. Per quanto riguarda Italia Viva, in vista delle prossime elezione regionali in Toscana, Renzi sta cercando di spingere affinché la riforma venga fatta a favore delle famiglie che hanno figli.