mercoledì, Aprile 24, 2019
Home Blog

Nadia Toffa rivela: “Ho lasciato il mio fidanzato, non mi ha mai accompagnata alle chemio”

nadia toffa

Mentre continua la sua battaglia contro il tumore e, nonostante tutto, riesce a portare avanti i suoi impegni televisivi dietro il bancone de Le Iene, Nadia Toffa rivela un nuovo dettaglio della sua vita privata. Su Instagram, la conduttrice ha rivelato di aver lasciato il suo fidanzato e con l’occasione ha anche spiegato il perché lo ha fatto.

“L’ho lasciato perché non si è ricordato manco di un controllo. Pensate che non mi ha mai accompagnata a una chemioterapia. Torno a ballare da sola, quindi. Sto con chi il tempo per me è in grado di trovarlo, cioè i miei amici e i miei colleghi, la mia famiglia e voi! Chi ti vuole bene il tempo per te lo trova, giusto?”, ha scritto la Toffa. Le righe seguenti del suo lungo post hanno poi riguardato gli auguri di una buona Pasqua ai fan anche se, prima di chiudere, Nadia si è sentita quasi in dovere di precisare una cosa: “Ovviamente – ha puntualizzato – non sono in cerca di un nuovo fidanzato: ciò che voglio è soltanto il vostro parere”.

Naturalmente la stragrande maggioranza dei commenti si è dimostrata vicina a lei e alle sue scelte. In molti infatti l’hanno appoggiata e incoraggiata, mentre altri, più che concentrarsi nel confortare lei, si sono rivolti a quell’ex compagno che evidentemente poi così bene non si è comportato. Per quanto riguarda la sua identità, non si sa nulla: Nadia Toffa, vuoi per scelta o vuoi perché potrebbe anche essere mancata l’occasione per farlo, non ha mai svelato l’identità dell’uomo con cui condivideva una storia d’amore.

La vita di Nadia Toffa continua così tra le soddisfazioni e gli ostacoli; una vita, la sua, fortemente concentrata al momento sulla salute e sul lavoro, che infatti sono gli argomenti principali che la Toffa tratta ormai da tempo anche per via social. Dopotutto la decisione di rendere pubblica la sua lotta contro il cancro è stata tale sin dall’inizio, e così è proseguita per i mesi successivi proprio per una scelta personale: la Toffa non ha mai nascosto l’intenzione di voler utilizzare la sua esperienza per contribuire ad abbattere il tabù che ancora oggi grava su malattie molto serie, quale appunto è il cancro.

Il figlio non vuole entrare a scuola: lo investe con l’auto davanti a tutti

Tiffany Kosakowski

Un bambino di nove anni vivrà il resto della sua vita con dei gravi danni cerebrali dopo che la madre, in preda ad un raptus, lo ha investito proprio davanti l’ingresso della scuola. Per questa ragione Tiffany Kosakowski, 36enne residente a Belmont, nel Michigan, è stata condannata a un mese di carcere.

La donna, secondo la ricostruzione, avrebbe fatto scendere dall’auto il figlioletto e poi sarebbe partita di corsa facendo sbandare il mezzo da una parte all’altra della strada con il bambino, Julian, che terrorizzato rimaneva aggrappato alla maniglia della porta. Il bimbo pare sia riuscito a rimanere attaccato all’auto per circa 50 metri, quando è poi caduto a terra ed è finito sotto le ruote della macchina. La testa e il torace sono rimasti schiacciati dalla ruota posteriore del lato passeggero.

La donna, finita davanti al giudice, ha ammesso le sue colpe e quindi anche di aver “guidato in modo spericolato”. “Sono devastata per ciò che è successo”, ha aggiunto, “e so per certo che dovrò convivere con questo fatto per il resto della mia vita”. La 36enne, single e madre di due gemelli, ha anche detto: “Tutto ciò che mi interessa in questo momento è esserci per mio figlio e sostenerlo come ho sempre fatto”.

Lì per lì la testimonianza della donna dà adito ad un’interpretazione dei fatti che la vede come innocente, ma dalla ricostruzione sembra che la donna possa essere ritenuta tutt’altro che innocente per quanto capitatole al figlio. Il fatto è che la 36enne sapeva che il figlio stava ancora in piedi davanti alla porta del passeggero quando lei ha premuto sull’acceleratore. “L’imputata – si legge in un atto del tribunale – ha guidato consapevolmente il veicolo in quel modo e lo ha fatto per causare gravi lesioni fisiche al figlio”.

Pare infatti che il bimbo non volesse entrare a scuola e che la madre, per dargli una lezione, lo avesse voluto spaventare con quel folle gesto. Peccato però che la conseguenza di quella scelta si sia trasformata anche in un qualcosa di fisico, oltre che di psicologico.

Dormono in auto intontiti dalle droghe: il figlio di 1 anno vaga nudo nel parcheggio

freeman mcmillin

Dopo aver assunto una miriade di droghe si sono addormentati nell’auto, con il loro bambino che, lasciato solo, ha iniziato a vagare nudo nel parcheggio.

Ad accorgersi del fatto i dipendenti di un ristorante di Panama City, in Florida, che ad un certo punto hanno notato un bambino molto piccolo vagare fuori dalla struttura intorno alle 5:30. A quel punto hanno individuato un furgone parcheggiato pochi metri più in là, e all’interno del mezzo due adulti che sembravano essere svenuti. I dipendenti hanno provato a svegliarli, ma né le urla né le percosse al mezzo sono servite a nulla, così non hanno potuto far altro che chiamare la polizia, preoccupati che fossero incoscienti o, peggio, morti.

Quando gli agenti sono giunti in loco hanno fatto irruzione nel furgone, dove hanno trovato molte droghe e anche due bambini, gemelli, di appena 9 mesi. “I bambini sembravano essere in buona salute, ma necessitavano di vestiti e pannolini puliti. I nostri ufficiali li hanno aiutati a cambiarsi mentre i dipendenti del ristorante hanno donato loro dei pancake. Grazie IHOP per esserti rivelato un incredibile partner della comunità”, ha scritto la pagina Facebook della località di Panama City.

Gli adulti che si erano addormentati storditi dalle droghe e che avevano lasciato tre bambini senza alcun tipo di controllo sono Jordyn Freeman, 24 anni, e Randy McMillin, 27 anni, entrambi originari dell’Ohio. La coppia è ora stata trasferita nel carcere di Bay County con l’accusa di abbandono di minore e possesso di droga. I bimbi invece sono stati dati in affidamento al Dipartimento per bambini e famiglie. McMillin, fidanzato della Freeman, non sarebbe comunque il padre dei bambini, evidentemente avuti dalla donna da altre relazioni.

Chiara Ferragni ha un fratello: followers curiosi, ma lei glissa le domande

fratello di Chiara Ferragni

Chiara Ferragni ha svelato un particolare della sua vita che non era mai emerso prima, e cioè che della sua famiglia fa parte anche un fratello di cui non aveva mai parlato. La fashion blogger ha postato una storia su Instagram nella quale viene mostrato chiaramente un ragazzino che gioca col piccolo Leone Lucia, e quel ragazzino sembrerebbe essere il fratello della moglie di Fedez.

Anzi, togliamo il “sembra”: il ragazzino ripreso nella storia Instagram è proprio il fratello di Chiara. Dopotutto lo ha ammesso lei stessa tramite un messaggio scritto in lingua inglese: “Leo play with my brother”, che tradotto significa “Leo che gioca con mio fratello”.

Naturalmente i fan, dinanzi alla scoperta che Chiara Ferragni ha un fratello, sono rimasti davvero molto sorpresi, se non altro perché erano convinti di conoscere bene la loro beniamina. E infatti, ora che il fratellino è emerso dall’oblio, ecco che molti followers pretendono di saperne di più. Uno di loro, per esempio, ha scritto: “Su le mani chi vuole sapere di più sul fratello di Chiara!”. Per il momento però la diretta interessata non ha replicato alle centinaia di richieste sul fratellino.

In ogni caso, è altamente probabile che il ragazzino apparso nella storia Instagram di Chiara Ferragni sia il figlio più piccolo di Marco Ferragni, nonché quarto fratello delle già note tre sorelle. E’ probabile che questo bambino sia frutto del rapporto che Marco ha avuto con la sua nuova compagna, mentre le precedenti figlie sono nate dalla love story con Marina Di Guardo, da cui Marco si separò nei primi anni 2000.

Non sappiamo se Chiara Ferragni deciderà mai di approfondire la questione, ma quel che è certo è che il suo obiettivo è stato ampiamente centrato: diffondere l’immagine del fratellino facendo finta di nulla e non fornendo alcuna spiegazione ai followers, potrebbe essere frutto di una strategia pubblicitaria, anche perché in queste ore non si parla effettivamente d’altro!

Elisa Isoardi rivela perché con Matteo Salvini è finita

elisa isoardi

Dopo aver cercato di tenere il riserbo sulla fine della loro storia d’amore, alla fine Elisa Isoardi ha rotto gli indugi e ha spiegato al settimanale DiPiù il motivo per cui ha rotto ogni rapporto con Matteo Salvini, attuale ministro degli Interni.

Il loro amore è durato la bellezza di cinque anni, e anche se qualcuno si ostina a voler credere che un giorno i due torneranno insieme, la conduttrice de “La Prova del Cuoco” sembra non avere alcun dubbio al riguardo: con Salvini è finita per davvero. La loro rottura è arrivata quasi inaspettatamente, e per giunta via social. E dopo tanto silenzio, scopriamo anche che a decidere di dire basta è stata proprio lei.

Isoardi, a tal proposito, ha spiegato: “Sono stata cinque anni con Matteo. Poi, quando è diventato ministro, ho deciso di lasciarlo. Molte persone mi dicevano che ero pazza a lasciarlo proprio quando lui stava per ricoprire un ruolo tanto importante al governo, ma penso che se una storia non va, non va. Il motivo era il tempo: insieme ne passavamo davvero troppo poco per via dei rispettivi impegni. Così ad un certo punto ho capito che era giunta l’ora di andare avanti”.

Incalzata sulla storia d’amore che Matteo Salvini ha ora intrapreso con Francesca Verdini, figlia del parlamentare Denis Verdini, Elisa ha risposto: “Se è felice, io sono felice per lui!”. “Matteo – ha aggiunto – è un grande leader: se ha scelto lei, non ho dubbi che sarà un’ottima scelta”. Per quanto riguarda invece la relazione che lei pare abbia appena iniziato con Alessandro Di Paolo, la risposta è stata caustica: “Diciamo che per il momento ci stiamo solo frequentando”.

Paola Caruso, risultato del test Dna in diretta tv: Imma è la madre biologica?

paola caruso

Finalmente il sogno di Paola Caruso si è avverato. L’ex Bonas di “Avanti un altro”, che un paio di settimane fa a “Live – Non è la D’Urso” aveva incontrato per la prima volta quella che sarebbe potuta essere la sua madre biologica, è venuta a conoscenza del verdetto finale grazie al test del Dna a cui lei e la signora Imma si erano sottoposte qualche giorno fa. La 34enne, che era entrata in possesso del risultato già qualche giorno fa, ha deciso di attendere la nuova puntata di “Live – Non è la D’Urso” per conoscere l’esito del test.

Ecco quindi che ieri sera Paola e la sua presunta madre si sono presentate in trasmissione. Barbara ha mostrato loro alcuni filmati che hanno riassunto tutta la vicenda, dai tratti sicuramente surreali. Dopo di che Paola e Imma sono state fatte entrare nell’ormai noto ascensore per scoprire una volta per tutte l’esito del test del Dna. Dopo alcuni minuti trascorsi a sfogliare le pagine e a comprendere il significato di alcune parole, finalmente Paola è arrivata sulla fatidica riga, ovvero quella che confermava l’esito positivo del test del Dna.

Le due, non appena hanno preso coscienza del risultato, si sono messe a piangere e si sono abbracciate, e chi ha seguito la scena ha senz’altro avuto modo di vedere delle note melodrammatiche che difficilmente riusciremo a dimenticare! La reazione quasi allucinata della Caruso e i mezzi svenimenti di sua madre Imma hanno plasmato un momento di televisione che rimarrà sicuramente negli annuari della tv italiana.

Si conclude così una delle vicende più inverosimili ma al tempo stesso più appassionanti della televisione. D’ora in avanti Paola Caruso e sua madre Imma avranno l’opportunità di recuperare tutto il tempo perso, e lo faranno per giunta in un momento molto importante visto che proprio poche settimane fa, la 34enne, ha dato al mondo il suo primogenito.

Vino e birra a un bimbo di 6 mesi: su Facebook il video choc

Un agghiacciante filmato diffuso su Facebook mostra un uomo, poi identificato in un tale di nome Eloy Camacho Diaz, che costringe un bambino di pochi mesi a bere birra.

Il filmato, registrato in Perù, è subito diventato virale nel Paese e ha cominciato a fare il giro del mondo già nelle ore successive alla sua pubblicazione. Facebook dal canto suo lo ha rimosso, ma il video purtroppo aveva già iniziato a girare più velocemente di quanto si potesse pensare, ed è proprio su quel video che ora si stanno concentrando le dovute indagini.

Il filmato mostra Diaz, che si è poi scoperto essere lo zio del bambino, mentre, nel bel mezzo di una festa di compleanno, offre un bicchiere di vino al nipotino di neppure sei mesi. E dopo il vino, gli offre anche un altro drink alcolico, ovvero una bottiglia di birra. Il bambino rifiuta le “offerte” perché il solo odore degli alcolici evidentemente gli provoca disturbo, ma l’uomo insiste: infila il dito nell’alcool e poi nella bocca del piccolino, così da costringere la creatura ad assimilare la bevanda.

A filmare il tutto un collega di Diaz, insegnante in una scuola vicina alla sua, che esattamente come Diaz è finito sotto inchiesta; così come nei guai ci è finita la donna che ha tenuto in braccio la povera vittima, peraltro godendosi la scena.

Non appena il video ha cominciato a circolare su Facebook si è scatenata l’indignazione degli utenti. Uno di loro, ha scritto: “Ma che diavolo stanno pensando? Molte persone sognano di avere un bambino e questi due idioti, che hanno la fortuna di averne uno, gli fanno questo?”. Un altro ha aggiunto: “E’ il caso che un giudice veda questo filmato e si muova di conseguenza”. Gloria Jimenez, capo del servizio educativo locale, ha rassicurato che un rapporto sui fatti accaduti nella località di Ferrenafe verrà senz’altro indirizzato ai funzionari della zona.

Loredana Bertè lascia Amici: ecco i papabili sostituti

Loredana Bertè
Loredana Bertè | Foto da superguidatv.it

Sin da quando si è insediata nella poltrona di giudice di Amici, Loredana Bertè non ha fatto altro che creare polemiche e dinamiche interessanti per lo show. Tuttavia la sua stagione è già in via di conclusione, in quanto la cantante ha deciso di abbandonare una volta per tutte il programma per potersi concentrare su un altro impegno lavorativo che in realtà aveva già preso da tempo.

La Berté, reduce dal successo ottenuto al Festival di Sanremo, sta infatti per partire col suo nuovo tour musicale che inizierà il prossimo 30 aprile da quel di Livorno. E il fatto è proprio questo, e cioè che alcune date della tournée coincidono con quelle del programma Mediaset, per cui, onde evitare di mancare di rispetto ai fan che magari hanno già acquistato i biglietti, la Berté ha preferito lasciare la poltrona di Amici.

E’ quindi molto probabile che le puntate di sabato 20 e sabato 27 aprile saranno le ultime per Loredana, tanto è vero che negli ambienti Mediaset si starebbero cercando con molta fretta i papabili sostituti.

Secondo un noto settimanale, in pole position per succedere al posto di Loredana Berté ci sarebbero Albano, Ornella Vanoni e Sabrina Ferilli. Tutti e tre hanno già avuto esperienze in programmi incentrati sulla musica: Albano è stato coach a The Voice of Italy, la Vanoni è stata uno dei volti di punta di Ora o Mai Più, mentre la Ferilli in passato ha assunto il ruolo di coach proprio nella trasmissione di Maria De Filippi.

Un’altra incognita che gli autori dovranno considerare nello scegliere il sostituto della Berté si lega inevitabilmente al discorso ascolti. Proprio così, in quanto l’attuale edizione di Amici sta soffrendo di un brusco calo degli ascolti, e la dipartita di Loredana Berté, proprio per le ragioni spiegate poc’anzi, potrebbe non aiutare affatto in questo senso. Il suo sostituto sarà perlomeno un degno… erede?

Incendio a Notre-Dame, Sgarbi choc: “Non abbiamo perso nulla”

Incendio alla cattedrale di Notre-Dame
Incendio alla cattedrale di Notre-Dame | Foto da Milanofinanza.it

In queste ore l’Europa intera sta seguendo con molta apprensione i fatti di Parigi, dove un incendio ha avvolto la cattedrale di Notre-Dame. E mentre le autorità indagano e i pompieri tentano di salvare il salvabile, una dichiarazione di Vittorio Sgarbi sta creando molto sgomento nell’opinione pubblica. Secondo il famoso critico d’arte, infatti, l’incendio alla cattedrale parigina non meriterebbe tanto clamore, perché ciò che è andato perso tra le fiamme non avrebbe tutto questo valore che gli si vuol attribuire.

Intervenuto a “Quarta Repubblica”, trasmissione di Rete 4 condotta da Nicola Porro, Sgarbi ha detto: “La guglia che è caduta è stata fatta nel 1870. La tragedia è morale, ma tutto è riparabile. Il crollo della cattedrale di Noto è un fatto ben più grave, e in 10 anni l’abbiamo recuperata. Per di più non ci sono morti e non c’è terrorismo. Questo pianto generale lo considero inutile. Siamo dinanzi ad una tragedia legata più che altro ad un simbolo assolutamente recuperabile. Non possiamo mica credere di non poter ricostruire qualcosa che è stato fatto nel 1800”.

Sembra che l’incendio sia divampato a causa di misure di sicurezza non rispettate da parte del cantiere di restauro che avrebbe dovuto eseguire dei lavori di ristrutturazione sull’edificio. Ma per Sgarbi l’incidente che ha coinvolto Notre-Dame sarebbe da declassare, da ridimensionare, e il motivo principale è che le fiamme non hanno bruciato dei veri e propri capolavori.

“All’interno – ha affermato il critico d’arte – non ci sono opere antiche, e ci sono muri e affreschi del secondo 800. Non è come una chiesa italiana che si trascina dietro un palinsesto secolare. L’arredo è di strutture neogotiche, tipo E.T., per cui parliamo di scenografie tutt’altro che considerabili dei capolavori. Ma cosa abbiamo perso di Notre-Dame? Sapete dirmi un nome, un monumento, una statua, una scultura? La corona di Cristo, forse? Ma quella è una reliquia finta. La parte importante è nelle due torri, che si sono salvate dal fuoco”.

Justin Bieber nei guai: ecco perché finirà presto in Tribunale

Justin Bieber

Questa notizia di certo non gli sarà di aiuto, specie in un periodo di vita in cui si sta ritrovando ad affrontare emozioni contrastanti e fragilità finora tenute nascoste, eppure Justin Bieber, con questa novità, ci si dovrà scontrare per forza di cose. Quando la notizia gli è arrivata, il cantante si trovava al Coachella, il festival californiano che col tempo è diventata la culla dei fashion blogger, degli youtuber e più in generale delle star dal taglio giovanile.

Bieber in quell’occasione è stato informato di essere stato citato in giudizio per un incidente avvenuto nel 2017 e che lo ha visto protagonista assieme ad un fotografo.

In pratica, nel 2017 Bieber era rimasto coinvolto in un incidente con un paparazzo: il cantante aveva investito il fotografo con il suo Suv proprio davanti ad una chiesa. In quel frangente però Justin era sceso dall’auto e aveva prestato soccorso all’uomo, e aveva anche aspettato l’arrivo della polizia al fine di non sottrarsi dall’accaduto. La stessa polizia aveva poi deciso di non perseguire Bieber in quanto l’incidente, secondo una ricostruzione fatta in quei momenti, sembrava esser stato causato dal flash della macchina fotografica che aveva appunto abbagliato il cantante alla guida del mezzo.

Ora però, a distanza di due anni, il paparazzo ha deciso di riaprire la questione e di citarlo in giudizio per i danni emotivi e generali che quell’evento pare abbia causato alla sua vita.

Per il momento l’entourage della popstar non ha rilasciato alcuna dichiarazione e tanto meno ha confermato la notizia. Tuttavia il fotografo sta facendo parlare di sé per davvero, tanto da aver dichiarato a diversi organi di stampa di essere una vittima di quell’incidente di due anni fa; una vittima che tutt’oggi si ritroverebbe a lottare con una “invalidità permanente” a cui si sommano “danni emotivi e generali”.

Rubano borsa griffata per l’asta di Manuel Bortuzzo. Massimo Giletti si fa avanti: “La pago io”

massimo giletti

Massimo Giletti si è reso protagonista di un gesto che gli fa onore, un gesto di cui si sta parlando forse troppo poco ma che riempie il cuore di tutti quelli che hanno seguito la storia di Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore colpito da un proiettile e rimasto paralizzato negli arti inferiori. La storia di questo ragazzo ha scioccato l’Italia intera, se non altro perché Manuel sta pagando duramente un conto che nemmeno era il suo: il proiettile che lo ha colpito, infatti, gli è stato diretto contro per puro sbaglio (è stato confermato che colui che ha premuto il grilletto abbia scambiato Manuel per un altro ragazzo).

Ma cosa avrà fatto Giletti di tanto bello nei confronti del giovane? In pratica, venerdì scorso si è tenuta un’asta di beneficenza a favore di Manuel Bortuzzo. L’evento ha avuto luogo presso l’Eur Convention Center di Roma, in occasione del rally di Formula E. Verso la fine dell’asta, a cui hanno preso parte parecchi vip e anche molti nomi dello sport, rimaneva un ultimo cimelio: una borsa griffata di grande valore. Tuttavia, ad un certo punto, la fatidica borsa è scomparsa proprio pochi minuti prima di finire all’asta.

I presenti, sconcertati, hanno subito notato la delusione sul volto di Manuel, convinto che quella serata avrebbe dovuto concludersi con un’offerta da capogiro e quindi con un bel tesoretto da utilizzare per le sue cure. Ed è in questa fase che è entrato in campo Massimo Giletti: il conduttore de La7 ha proposto al notaio di andare avanti con l’asta come se nulla fosse successo. “Facciamo finta che la borsa ci sia comunque e battiamola ugualmente”, ha detto. Il notaio, dopo qualche minuto di riflessione, ha dato il suo consenso e l’asta è comunque stata fatta.

La cosa ancora incredibile è che è persino arrivata un’offerta per quella “borsa invisibile”: ad offrire ben 10mila euro è stato proprio lui, Massimo Giletti, a cui evidentemente non è importato nulla di aggiudicarsi la borsa ma che nel suo cuore aveva un solo obiettivo, e cioè dare quei 10mila euro al ragazzo. Inutile dire che per questo gesto sia Manuel che tutti i presenti gli sono stati enormemente riconoscenti.

Scossone a Made in Sud: Elisabetta Gregoraci dice addio (in anticipo) allo show

elisabetta gregoraci

Questa sera andrà in onda un’altra puntata di Made in Sud, programma ormai amato dal pubblico di Rai 2 ed in particolar modo dai telespettatori meridionali. Quest’anno lo show ha subito grossi cambiamenti, a partire dall’arrivo di nuovi conduttori, fino alla lite Gregoraci-Fastidio. E come se non bastasse, proprio in queste ore si sta abbattendo un’altra importante novità sul programma: l’abbandono in via anticipata di Elisabetta Gregoraci, che pare aver deciso senza troppi ripensamenti di lasciare le redini dello show.

L’ex moglie di Briatore avrebbe deciso di farsi da parte e di salutare una volta per tutte quello che, bene o male, è anche stato il “suo” pubblico. A confessarlo è stata proprio lei pubblicando su Instagram il copione della trasmissione e commentando la foto con una frase a dir poco eloquente: “Ultima puntata per me”. Ma perché mai questo saluto anticipato? Che c’entri forse qualcosa l’entrata a gamba tesa nello show di Stefano De Martino?

In teoria l’allontanamento della Gregoraci pare non aver alcun legame né con l’arrivo di De Martino e tanto meno con i diverbi avuti con Gino Fastidio: la showgirl avrebbe deciso di non proseguire con le tre puntate “speciali” del programma per potersi dedicare interamente al cinema. Tra non molto, infatti, la vedremo recitare in un film con Mimmo Calopresti.

Elisabetta Gregoraci ha quindi onorato il suo impegno fino ad oggi, anche perché in teoria quella di stasera avrebbe dovuto essere l’ultima puntata di Made in Sud: è stata la rete a decidere recentemente di allungare la messa in onda con altre tre puntate, probabilmente alla luce dei buoni dati di ascolto a cui anche la nuova conduzione di Stefano De Martino potrebbe aver contribuito (non dimentichiamo infatti che Made in Sud arriva da una stagione piuttosto fiacca in termini di audience).

Ciò che non si è ancora capito è se la Gregoraci tornerà in vista di una prossima eventuale nuova stagione o se il suo sia un addio a tutti gli effetti.

Catania, costringe la moglie a violentare il figlio e a fare sesso con estranei

violenza sulle donne

Costringeva la moglie ad abusare uno dei loro figli, per giunta minorenne, e ad avere rapporti sessuali con estranei davanti a lui. Per questo motivo è stato arrestato dai carabinieri di Ognina a cui la donna, evidentemente esausta, ha finalmente sporto denuncia. Agli arresti un 36enne di Catania, marito della donna nonché padre dei loro 3 bambini.

Le accuse a suo carico sono diverse: maltrattamenti contro familiari, violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate. Perché in fin dei conti in quella casa l’aria che si respirava era proprio pesante, scandita dagli abusi e dalle violenze. La donna ha raccontato che il marito era solito minacciarla di morte e che in alcune occasioni sarebbe arrivato al punto di puntarle un coltello contro, mentre altre volte le avrebbe persino cosparso il capo con del liquido infiammabile quasi a volerle dare fuoco; e poi calci e pugni a volontà, che la donna era costretta a subire praticamente ogni giorno.

Ma il problema non erano solo le violenze perpetrate nei suoi confronti. La 40enne ha infatti raccontato di essere stata costretta anche ad avere rapporti sessuali con perfetti sconosciuti, e in luoghi accuratamente appartati, mentre lui assisteva nelle vesti di “voyeur”. E non è tutto, perché pare che l’uomo costringesse la moglie a toccare le parti intime di uno dei loro figli. Il bambino, dopo quelle palpate “strane”, avrebbe persino preso coscienza dell’indecenza del tutto, tanto che dalla sua bocca sarebbero uscite le seguenti parole: “Papà è scemo, è davvero pazzo”.

La vittima ha raccontato ai carabinieri di essersi convinta a sporgere denuncia proprio a margine di una di quegli abusi che veniva costretta a fare sul figlio. Dalle indagini è così emersa una quotidianità aberrante fatta di violenze, prevaricazioni, umiliazioni e abusi. Nell’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti del 36enne, si legge: “Sono trapelate azioni aberranti compiute nei confronti della moglie relegata al pari di un oggetto e svuotata della propria dignità di consorte e di madre”. Ora l’uomo si trova dietro le sbarre, mentre la moglie e i tre figli sono stati trasferiti in una struttura protetta.

Barbara D’Urso allontana la figlia di Maria Monsé dallo studio: “Non mi va che partecipi”

barbara d'urso

Barbara D’Urso è nuovamente finita nell’occhio del ciclone. Nella scorsa puntata di Pomeriggio 5, la conduttrice partenopea si è ritrovata a gestire una situazione alquanto difficile e, proprio nel tentativo di farlo, è inciampata in un cosiddetto passo falso.

La discussione era incentrata sulle baby star, un argomento sul quale erano stati invitati a dire la loro l’opinionista Karina Cascella e la piccola Perla Maria, figlia della showgirl Maria Monsé, che in questo periodo sta facendo parlare di sé proprio per via della sua carriera da baby star.

La Cascella, riferendosi a Perla Maria, ad un certo punto ha detto: “Devo ammettere di sentirmi un po’ a disagio a partecipare ad un talk show con una bambina di 12 anni. Se si creano discussioni, non mi va tanto a genio che lei senta e partecipi”. A dare manforte a questa considerazione ci si è poi messa anche Patrizia Groppelli: “E’ furba Maria Monsé, con la figlia accanto: mettendosela vicino fa in modo che uno di noi ci pensi due volte prima di attaccarla”.

A quel punto è intervenuta la ragazzina dicendo: “Papà mi ha permesso di venire solo perché ho preso 8 ad una verifica. Ho studiato, ho preso un bel voto e sono venuta: per me questo è un premio”. Ed è proprio su questa frase che la D’Urso si è sentita quasi in dovere di mettersi di traverso: “Sono contenta che studi e ti impegni, ma sarebbe meglio che come premio chiedessi un viaggio e non di venire qui. Manda un saluto al popolo di Internet e poi ti chiederei di uscire, perché non mi va che ascolti certe cose”. Al che la bambina, senza fiatare, ha obbedito e si è allontanata dallo studio.

Prestiti alle imprese: banche europee più “morbide” nel secondo trimestre 2019?

Quasi sicuramente le banche della zona euro attenueranno gli standard per i prestiti alle imprese e il credito al consumo, dal momento che la concorrenza rimane agguerrita e la domanda sta rallentando sia in Italia che in Spagna, stando a quanto dichiarato recentemente dalla Banca Centrale Europea.

Considerando l’attuale rallentamento della crescita economica e i timori diffusi per una possibile recessione, i responsabili della BCE hanno di recente approvato una nuova tranche di prestiti molto economici in favore delle banche commerciali per smorzare quel timore di un arresto del flusso del credito, che avrebbe esacerbato la crisi.

Le cose però non sembrano procedere nel verso giusto. Stando ad un recente sondaggio proprio della BCE, le banche intendono rendere più difficoltoso l’accesso al credito alle imprese. In una nota, la BCE ha affermato: “In questo secondo trimestre 2019, le banche vedono un allentamento degli standard di credito per i prestiti alle imprese e per il credito al consumo. Ciò potrebbe portare ad un inasprimento delle norme che regolano l’ottenimento di un prestito immobiliare”.

La domanda di credito ha avuto un rallentamento tra i consumatori e le imprese in Spagna. In Italia, stessa situazione, a causa di una crisi imprenditoriale abbastanza diffusa. Guardando la zona euro nel suo complesso, le banche prevedono che la domanda di prestiti per gli alloggi, il credito al consumo e per le imprese aumenterà almeno fino a giugno. Gli standard di credito, ovvero le linee guida interne delle banche per l’approvazione dei prestiti, insieme ai termini e alle condizioni del nuovo credito, sono rimasti sostanzialmente invariati.

In Italia, per il secondo trimestre consecutivo, gli istituti di credito sono stati costretti a termini più restrittivi per l’accesso al credito, con un costo di finanziamento più elevato e una maggiore percezione del rischio. Le spese per il finanziamento del governo italiano, che guidano il costo dei finanziamenti per le banche, sono aumentate da quando il governo Lega-Cinque Stelle è entrato in scena.