Dramma a Manchester, City e United fuori dalla Champions

In una Champions League sempre più democratica, fa sempre un certo effetto vedere due squadre inglesi su quattro eliminate alla fase a gironi. Fa ancora più rumore quando a mancare all’appello sono i due Manchester: il City milionario dello sceicco Al Mansour e lo United che appena 6 mesi fa contendeva la coppa dalle grandi orecchie al Barcellona nella finale di Wembley.

I Blues allenati da Mancini hanno fatto il loro compito nell’ultimo turno, battendo un Bayern Monaco (già certo del primo posto nel girone) in versione B, ma non è bastato. La gara è a senso unico, vuoi per le differenze qualitative in campo oltre che per le differenti motivazioni, ma dopo una mezz’ora di possesso palla sterile, gli inglesi trovano la via della rete grazie ad un gioiello di Silva al 37′. Lo spagnolo controlla appena fuori area e scarica un gran sinistro sul palo lontano, dove Butt non può arrivare. La resistenza bavarese, che vive sugli spunti di Olic e Alaba, non porta i suoi frutti ed in avvio di ripresa il Manchester City raddoppia con Yaya Tourè, al termine di una bella azione iniziata proprio dall’ivoriano e rifinita da Aguero e Dzeko. La gara è chiusa, ma le notizie arrivate da Villareal rendono inutile la vittoria sul Bayern.

La vera sorpresa della sesta giornata di Champions League si manifesta però al Sant Jacob Park di Basilea, dove gli svizzeri battono clamorosamente il Manchester United di Ferguson e passano agli ottavi. Ai Reds sarebbe bastato un pareggio per andare avanti nel torneo, ma la rete in avvio di Streller complica i piani per gli uomini di Ferguson, che non riescono ad oltrepassare il muro eretto dagli elvetici. Il Basilea contiene e riparte quando può, arrivando a colpire nuovamente a cinque minuti dalla fine con Frei, che sbuca alle spalle dei difensori avversari su un cross di Shaqiri e batte in tuffo De Gea. Lo United reagisce, ma il gol di Jones arriva troppo tardi e serve solo a rendere meno amaro il punteggio. Gli svizzeri, per la seconda volta nella loro storia, si qualificano agli ottavi di finale.

Non bastano i (tanti) soldi spedi dallo sceicco o la grande storia europea dello United. A Manchester bisognerà accontentarsi dei giovedì in Europa League.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *