Facebook senza confini: arrivano il letto ed il night club ispirati al social network

Per il momento è solo un piccolo prototipo in scala, ma l’idea appare troppo ghiotta per essere abbandonata: stiamo parlando del Fbed, o per esteso “facebook bed”, insomma il letto di Facebook. Incredibile ma vero, il designer croato Tomislav Zvonaric ha deciso di far compiere un passo ulteriore alla vera e propria “mania” per il social network che ha già contagiato quasi un miliardo di persone a livello mondiale, facendo circolare in rete le foto di un letto a due piazze completamente personalizzato con l’inconfondibile stile di facebook, a partire dalla forma di una grande “f” supina, e le scritte ai lati.

La vera chicca, comunque, è presente nella spalliera, dove è alloggiata una vera mini-postazione computer per il collegamento ad internet, con monitor e tastiera a portata di mano per un eventuale ultimo aggiornamento di “stato” in extremis, prima di andare a dormire, o al contrario appena svegli, magari appoggiando la tazza della prima colazione sull’apposito vano.

Se in rete è cominciato subito il tam-tam su questa curiosità, sia su siti italiani che internazionali, ci si chiede anche se il “papà” di Facebook, Mark Zuckerberg, potrebbe mai avallare ufficialmente la creazione dell’architetto Zvonaric, concedendogli i diritti d’uso del marchio, e dando così probabilmente il via ad un legittimo sfruttamento commerciale dell’invenzione. Ma le ultime novità sul fronte della “facebook-mania” non si fermano qui, perchè secondo il giornale inglese Guardian, c’è un altro progetto molto più concreto che sta vedendo la luce in questo periodo in Brasile: il night-club Facebook. Il trentenne Humbert Camacho, intervistato dal giornale, ha rivelato che è praticamente pronto il suo nuovo locale ispirato alla creatura di Zuckerberg, e si trova nientemeno che a ridosso della foresta amazzonica, in località Epitaciolândia nello stato brasiliano di Acre, ai confini con la Bolivia.

L’aspetto della struttura anche in questo caso ricalca lo stile “classico” delle grandi “f” ormai sin troppo note ai navigatori, e l’apertura è prevista per la prossima settimana, con ospiti i Killer Boobs, un gruppo musicale brasiliano. Camacho non è nuovo all’esperienza dei locali notturni, avendo già fondato il club Insomnio, e con questa nuova avventura spera di bissare il successo precedente, raccontando l’intenzione di unire o meglio condividere le culture musicali boliviane e brasiliana.