Elefantessa in lutto saluta per sempre la sua piccola Lola

Le immagini del “rito funebre” messo in atto dagli elefanti in seguito alla morte di un loro familiare o di un elefante del gruppo fanno riflettere.

È risaputo ormai che gli elefanti, specialmente quelli africani, sono animali molto intelligenti che vivono le loro relazioni con una forte carica emotiva e sentimentale. Gli etologi sottolineano la consapevolezza che questi animali hanno della morte, tanto da vivere dei veri e propri traumi quando questa insorge improvvisamente. Il sentimento che lega un’elefantessa e la sua cucciola è fortissimo ed è proprio per questo che la perdita di un piccolo può essere traumatica.

Lola era una cucciola di elefante nata nello Zoo di Monaco di Baviera pochi mesi fa, da un’elefantessa indiana di nome Panang di 22 anni. Subito dopo la nascita, la piccola era stata calorosamente accolta sia dallo staff dello zoo che da tutti gli altri elefanti. La sua mamma era sempre con lei e la picola era coccolata e amata da tutti. Purtroppo Lola non cresceva bene e non prendeva peso, per questo il personale veterinario dello zoo aveva deciso di visitarla. Come avevano sospettato i medici, la piccola Lola era malata e non avrebbe mai potuto avere una vita normale a causa di una malformazione al cuore. Nonostante le bassissime speranze, la piccola era stata operata ma per lei non c’era stato nulla da fare: è deceduta dopo l’intervento.

Panang continuava a cercarla disperata non sapendo più dove trovarla. Notando la sofferenza che l’elefantessa provava per il distacco dalla piccola, il personale dello zoo ha deciso di mostrare a tutti gli elefanti e a Panang il corpo della piccola Lola, in modo tale che potessero elaborare il lutto. Tutti hanno potuto assistere allo svolgersi di una sorta di rituale funebre che vedeva ogni singolo elefante avvicinarsi al corpo senza vita della piccola per accarezzarla con la proboscide. Un ultimo saluto le cui immagini hanno commosso il mondo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here