I commenti in casa Juventus: rigore sacrosanto

La Juventus ieri ha pareggiato con un Siena molto solido dal punto di vista difensivo: i bianconeri hanno lasciato sul campo dello Juventus Stadium punti preziosi per allungare su un Milan che ieri ha pareggiato anch’esso in casa, però contro una squadra certamente più impegnativa quale il Napoli di Mazzarri.

Proprio come il Napoli di Mazzarri nell’ultimo periodo, attualmente in casa Juve si respira una tensione nei confronti degli arbitri per via del rigore abbastanza evidente non assegnato.

L’episodio è avvenuto nei minuti finali della partita e certamente un rigore avrebbe cambiato la partita in positivo per i bianconeri. Questa la ricostruzione dell’episodio: Chiellini tira in area e il capitano del Siena Vergassola respinge con la mano, molto probabilmente involontariamente, ma c’è da considerare con attenzione che il braccio del sopraccitato giocatore avversario è piuttosto staccato dal corpo…

Le immagini si commentano da sole e sono abbastanza eloquenti, come detto anche in casa Juve; a proposito del rigore l’amministratore delegato del club torinese Marotta ha appunto detto: “Chiediamo maggiore rispetto per la JuveL’arbitraggio è stato insufficiente. Il rigore era sacrosanto. Questi sono episodi determinanti. Tradizionalmente le squadre di testa sono affidate ad arbitri internazionali, invece hanno mandato un arbitro giovane”.

Antonio Conte è apparso in accordo con quanto sottolineato dal dirigente Marotta, ma ha aggiunto come non si debba dare troppo peso ad un episodio; il tecnico di origini leccesi ha infatti detto che «Andare sui singoli episodi mi sembra riduttivo. Penso che le immagini siano eloquenti e parlino chiaro. L’unica cosa che mi sento di dire è che mi sembra strano che in ventuno partite la Juventus abbia avuto solamente un rigore a favore e tre contro”. Il tecnico juventino ha poi aggiunto che l’operato dell’arbitrato nei confronti della Juve fino ad ora è stato abbastanza buono.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *