Milan – Juventus: le pagelle ai bianconeri

Nell’andata della prima semifinale di Coppa Italia, Milan-Juventus, a trionfare sono stati i bianconeri guidati dall’allenatore Antonio Conte: a San Siro infatti è finita con il risultato di 2-1 per la Juventus (doppietta di Caceres e g0l di El Shaarawy, ndr.).

Abbiamo preparato le pagelle ai giocatori bianconeri: eccole di seguito.

Storari 6: incolpevole sul gol di El Shaarawy, fa un’ottima parata su una potente ed insidiosa punizione di Zlatan Ibrahimovic. Una riserva di lusso…

Caceres 7,5: esordisce alla grande: doppietta e tanta corsa sulla fascia destra. In questa partita il difensore sudamericano ha dimostrato una duttilità impressionante: oltre ad essere un roccioso centrale, Caceres può essere indubbiamente considerato e sfruttato alla grande anche come terzino destro. Acquisto eccellente della dirigenza bianconera

Barzagli 7: solita solidità lì in difesa: guida benissimo la difesa della Juve e si oppone davvero bene alle incursioni della minaccia numero 1, Zlatan Ibrahimovic

Bonucci 6: buona prestazione del difensore di origini laziali

Chiellini 6,5: non male come terzino sinistro, buona prova anche per Giorgio Chiellini. Questo ad indicare come Chiellini può essere tranquillamente schierato da terzino sinistro, con Bonucci e Chiellini centrali, e uno tra Lichsteiner e Caceres sulla fascia destra. La difesa della Juventus ad oggi è una delle meglio assortite del campionato, forse possiamo considerarla la più completa: i suoi giocatori uniscono una grande duttilità ad un’ottima tecnica individuale, questa è la realtà

Pirlo 7: padrone assoluto della linea mediana bianconera. Non c’è bisogno di altre dimostrazioni della sua grande tecnica e della sua immensa capacità d’impostazione del gioco. Se è in forma è sicuramente uno dei migliori 2-3 registi al mondo. Nella partita di ieri ha inoltre messo in luce, ancora una volta, la sua eleganza, deliziando il pubblico con giocate davvero sontuose.

Padoin 6: il centrocampista neo-acquisto della Juventus esordisce bene a San Siro. Dalla prova di ieri abbiamo capito che non si tratta del fuoriclasse assoluto che ti fa la differenza con i suoi colpi straordinari, ma è un giocatore “operaio” come piace a Conte; tanta quantità lì nel mezzo. Buon acquisto, pur considerando la giovane età del giocatore.

Estigarribia 5: il giocatore ha tanta corsa, è molto agile e con la sua velocità può mettere in crisi intere difese. Deve ancora crescere, e pure molto visto che pecca molto di precisione nei controlli, nei passaggi e nei cross. Da migliorare

Giaccherini 7: esplosivo, certe volte incontenibile. Una delle rivelazioni assolute di questa Juventus, Giaccherini è l’ala ideale per una squadra che gioca con il 4-2-4 o con il 4-3-3. Strano come Conte non lo impieghi sempre titolare in campionato, staremo a vedere da quì a fine campionato…

Del Piero 6: non è decisivo in questa partita, ma è un vero capitano. Esulta in panchina anche quando è stato sostituito, Alessandro Del Piero ad oggi è l’ideale esempio di sportività e lealtà nel calcio.

Borriello 6,5: lui s’impegna molto, protesta tanto contro l’arbitro. Viene sostituito nel secondo tempo, ma le carte in tavola per future buone prestazioni ci sono tutte, Borriello è il rinforzo giusto per la squadra di Conte. Anche in questo caso la dirigenza conferma le sue ottime scelte in fatto di mercato.

Quagliarella 6: scivola quando Pirlo gli propone un pallone davvero delizioso, gioca gli ultimi minuti finali. Il napoletano appare in piena crescita, nelle prossime partite sicuramente realizzerà un bel pò di gol.

Vucinic 6: si vede poco in campo, anche perché subentra nei minuti finali.

Conte 8: il migliore allenatore attualmente in Italia, nonché uno dei migliori a livello europeo. Ha trasmesso grinta alla squadra, la Juventus ora ha carattere e tanta qualità, sia dal punto di vista tattico, che da quello difensivo ed offensivo. Grazie mister Conte, hai cambiato radicalmente una squadra.

Sicuramente è uno degli allenatori che più risultati farà da quì a 10 anni, promette davvero bene, come dicono anche altri grandi allenatori dei campionati esteri. Arsene Wenger a proposito di Conte ha infatti dettoNon mi aspettavo una Juventus così in alto a questo punto del campionato,pensavo avessero più difficoltà, soprattutto a inizio anno. Conte sta lavorando benissimo, ma la chiave di tutto secondo me è Pirlo, un campione forse dato per finito troppo presto. Poi c’è Buffon: anch’io, come molti, avevo qualche dubbio sul suo pieno recupero, invece sta dimostrando ancora una volta di essere un vero fuoriclasse, si è ripreso alla grande

Benitez sull’ottimo operato di Conte ha invece sottolineato: “Mi piacciono la compattezza e la determinazione della Juventus, Conte vuole che i suoi giocatori si sentano liberi di esprimersi al meglio, con le proprie caratteristiche e il proprio talento, questo è l’ideale per ogni squadra. I risultati, per ora, gli stanno dando ragione!

Insomma, volendo fare il punto della situazione possiamo dire di un Conte ed una Juve elogiati dappertutto: per adesso, però, i risultati definitivi devono ancora arrivare (la Juventus in questa stagione ha messo in cassaforte soltanto un virtuale “scudetto d’Inverno”, ndr.), ma il pretesto per una stagione grandiosa ci sta tutto.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *