Tumore al seno: ridurre il rischio con le verdure a foglie

Le verdure fanno bene alla salute, è una oggettività che da anni medici e specialisti continuano ad affermare nella speranza che l’uomo capisca la veridicità di questa realtà. Oggi c’è un motivo in più per mangiare le verdure soprattutto quelle a foglia, come le insalate, bietole e spinaci, che riducono il rischio della formazione del tumore al seno. A darne notizia è una ricerca dello studio EPIC – European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition study –  si tratta di un gruppo di ricerca europea al quale partecipa anche l’Italia con l’Ispo, l’istituto per lo studio e la prevenzione oncologica ci Firenze.

Questo studio ha evidenziato come il supporto delle verdure sia fondamentale per la prevenzione di malattie importanti e pericolose come appunto il tumore al seno.

E’ stato seguito un gruppo numeroso di donne per circa 11 anni, queste erano state selezionate da cinque strutture: Torino, Varese, Firenze, Napoli e Ragusa; le donne del centro toscano erano le più numerose; si è valutato anche la storia personale delle donne di età compresa tra i 36 e i 64 anni, analizzando la dieta alimentare e dando  un occhio attento anche allo stile di vita. La correlazione della presenza del  tumore al seno alla prevenzione alimentare, acquista una valenza sempre più rilevante per la difesa della salute dell’individuo e in questo caso specifico delle donne.

Gli esperti evincono che una rilevanza fondamentale arriva dalle verdure a foglia nella prevenzione del tumore al seno, soprattutto crude come le insalate, ma anche cotte, come gli spinaci e le bietole, che svolgono una vera azione protettiva nei confronti della mammella.

Il campo delle verdure è molto ampio, offrendoci una vasta varietà di scelta; però anche gli ortaggi offerti dalla natura hanno una valenza basilare: ci sono le melanzane, le zucchine, i carciofi e anche i pomodori, che se consumati crudi hanno un alto valore antiossidante; una prerogativa fondamentale per la prevenzione delle malattie tumorali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *