Ici per la Chiesa: le scuole cattoliche pagheranno la tassa?

Domani sarà votato in Commissione Industria al Senato l’emendamento firmato dal premier Mario Monti, che affronta la questione dell’Imu (la nuova Ici) per gli immobili della Chiesa in base alla loro “modalità commerciale”. La questione è molto delicata, perché da una parte stanno sorgendo dei problemi per la definizione di quali immobili siano “commerciali”, mentre dall’altra parte è necessario fare qualcosa per fermare la procedure dell’Ue contro l’Italia, per il trattamento fiscale di favore sulle proprietà ecclesiastiche.

Il presidente Napolitano, così come Schifani e Fini, riconoscono il “contributo rilevante” che la chiesa dà “nei campi della cooperazione, educazione, istruzione e assistenza sanitaria e sociale a favore di quanti vivevano in condizione di povertà e precarietà sociale ed economica”. Ma la questione di chi dovrà pagare l’Imu è ancora aperta, soprattutto per quanto riguarda il no-profit, perché non si sa ancora con precisione se lo Stato esigerà la tassa anche per le iniziative senza scopo di lucro indette dalla Chiesa.

I più preoccupati sono i salesiani, da sempre i più impegnati nell’ambito dell’educazione scolastica: lo Stato esigerà la tassa anche dalle scuole cattoliche? Centrodestra e Terzo Polo hanno già chiaramente fatto sapere che le scuole cattoliche non si devono assolutamente toccare. Don Alberto Lorenzelli, presidente della Conferenza italiana dei Superiori maggiori, ha dichiarato che la tassa sulle scuole sarebbe un errore: “così le scuole cattoliche chiuderebbero, a migliaia. Noi non lavoriamo per i ricchi ma per quelli che hanno di meno. Mi auguro che l’Imu riguardi solo gli spazi in cui ci sono vere realtà commerciali”.

Per il giornale cattolico Avvenire pretendere l’Imu dalle scuole cattoliche sarebbe “un autogol, una forma di autolesionismo”. Il quotidiano ha poi ribadito il fatto che “il governo non ha ancora chiarito tutto”. Probabilmente nella giornata di domani lo stesso Monti chiarirà meglio la situazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here