Dempsey sorprende l’Italia: gli USA vincono 1-0

Sarà pure un’amichevole, ma ci si aspettava di più. L’Italia stecca e perde a Marassi contro gli Usa, nell’ultimo test prima di Euro 2012, mostrando anche qualche limite in fase offensiva.

Prandelli fa esordire dal 1′ Ogbonna in difesa al fianco di Barzagli e affida il ruolo di trequartista a Thiago Motta. Il giocatore in forza al Paris Saint Germain parte molto bene, inserendosi su un cross basso di Maggio e trovando il salvataggio del portiere Howard, ma si spegne progressivamente non riuscendo a mostrare le caratteristiche necessarie per il ruolo.

Anche perché gli statunitensi allenati da Klinsmann, si difendono con due linee molto schiacciate ed imbottigliano il traffico nelle vie centrali dove i giocatori italiani spesso vanno ad intestardirsi. Ne esce una partita non troppo esaltante in cui prevalgono alcuni tiri dalla distanza di Giovinco, Criscito e Motta, ai quali gli americani rispondono con una punizione di Dempsey che impegna Buffon.
Nell’intervallo Prandelli cambia Nocerino e Criscito con Montolivo e Chiellini, relegando Ogbonna sulla fascia sinistra. Dopo 10′ della ripresa sono però gli Stati Uniti ad andare in vantaggio: il centravanti Altidore controlla spalle alla porta ed appoggia per l’arrivo di Dempsey, che incrocia il destro battendo Buffon. Il c.t. italiano cambia ancora passando al 4-3-3 con Giovinco largo a sinistra e gli ingressi di Pazzini e Borini che ravvivano l’attacco azzurro. Il romanista ci mette la grinta e allarga più spesso la difesa avversaria, arrivando alla conclusione in diverse occasioni, trovando però l’opposizione di Howard e dei centrali statunitensi. L’Italia gioca meglio rispetto alla  prima frazione, ma dimostra sempre di mancare al momento del guizzo decisivo.

Gli Usa escono così da Marassi con la loro prima e storica vittoria sulla nostra Nazionale: Klinsmann ha fatto giocare la sua squadra all’italiana, con una squadra compatta e raddoppi continui sui portatori di palla. Per Prandelli è la quarta sconfitta alla guida degli azzurri, sebbene tutte siano arrivate in partite amichevoli. Il dato incoraggiante è che, con una posta importante in palio, l’Italia non ha mai fallito, ma di certo agli Europei bisognerà giocare con una determinazione ed una intensità diversi da quelli mostrati ieri sera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here