Blitz della polizia a Tolosa: killer ucciso e tre agenti feriti

Finito l’incubo a Tolosa, con l’uccisione di Mohammed Merah da parte delle forze di polizia, dopo un assedio all’abitazione durato circa 32 ore. E ‘ dunque infine partito un improvviso blitz della durata di cinque minuti, utilizzando gas paralizzanti, durante il quale sono state chiaramente sentite numerosissime raffiche di arma da fuoco che pare abbiano esploso circa 300 colpi. Al momento risulta che tre agenti sono rimasti feriti, di cui uno in modo grave.

Il 23enne di origine algerina, sospettato di essere il killer della scuola ebraica, ha ingaggiato battaglia con le teste di cuoio nascondendosi nel bagno, quando ha visto entrare gli agenti ha aperto il fuoco con il suo arsenale, tentando poi la fuga gettandosi dalla finestra, infatti il corpo è stato trovato all’esterno.

Nonostante quindi il primo ordine del presidente francese Nicolas Sarkozy, ossia “prenderlo vivo”, non sarà più possibile sapere qualcosa in più sui perchè della follia omicida che è costata la vita ad un insegnate e quattro bambini. Per tutta la notte sembrava stesse per cominciare l’irruzione, ma il ministro dell’Interno Claude Gueant aveva dichiarato che l’assedio voleva solo premere psicologicamente sull’individuo, e non finire in un’azione di forza: “La priorità è consegnarlo alla giustizia, e quindi vogliamo prenderlo vivo. Speriamo che sia ancora vivo”, diceva il ministro sospettando un suicidio. Erano state infatti già tentate altre sortite per espugnare l’appartamento, ma la potenza di fuoco della risposta aveva fatto desistere la polizia, mentre colpi isolati di arma da fuoco provenienti dall’interno aveva fatto ipotizzare che Merah si fosse già tolto la vita.

Una giornalista di France 24 aveva riferito di una telefonata di pochi minuti in cui il killer rivelava di essere “legato ad Al Qaeda” e che il suo gesto era solo l’inizio di una più vasta operazione terroristica, e per il momento l’interrogativo sulla veridicità delle sue affermazioni rimarrà senza risposta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here