Film In Sala 4 Maggio: Gli Infedeli – Seafood – Ulidi piccola mia

Diamo uno sguardo ai titoli secondari in uscita al cinema questa settimana (4 maggio 2012):

GLI INFEDELI di Emmanuelle Bercot, Fred Cavayé, Alexandre Courtes, Jean Dujardin, Michel Hazanavicius, Eric Lartigau e Gilles Lellouche
Arriva dalla Francia questa commedia ad episodi che cerca di indagare sul mondo dell’infedeltà maschile. Protagonisti assoluti sono Gilles Lellouche e Jean Dujardin, quest’ultimo Premio Oscar nel 2012 per “The Artist”, film diretto da Michel Hazanavicius, che figura anche tra i registi di questa commedia. Lellouche e Dujardin porteranno sullo schermo diversi personaggi, in storie totalmente slegate fra loro, ma che avranno come filo conduttore l’adulterio. Salito alla ribalta della cronaca ancora prima di uscire nelle sale a causa di alcuni poster pubblicitari davvero espliciti (e che si pensava potessero intaccare la premiazione di Dujardin agli Academy), il film può vantare nel cast artistico anche un altro grande nome del cinema transalpino come Guillame Canet.

SEAFOOD – UN PESCE FUOR D’ACQUA di Auh Hoe Goh
Questo film d’animazione di produzione malesiana racconta la storia di Pup, uno squalo che parte in missione per salvare le uova del suo reef rubate da un gruppo di spietati bracconieri. Per farlo l’animale marino dovrà però abbandonare l’acqua e addentrarsi nel mondo degli umani. Ad accompagnarlo il suo migliore amico Julius, uno squalo pinna bianca con uno speciale vestito che gli permette di respirare fuori dall’acqua.  Come se non bastasse, mentre i due squali saranno in missione, la barriera corallina verrà seriamente messa in pericolo.

ULIDI PICCOLA MIA di Mateo Zoni
Paola (Paola Pugnetti) è una giovane adolescente prossima alla maggiore età, e negli ultimi quattro anni della sua vita ha vissuto in una comunità, lontano dalla sua famiglia e dai suoi affetti. La situazione è difficile. Lei è figlia di un contadino emiliano e di una donna marocchina, e questa sua condizione l’ha portata a dover affrontare i pregi e i difetti di entrambe le sue culture di appartenenza. E con i fatidici 18 anni alle porte, Paola ha bisogno di iniziare a guardare avanti, di progettare un futuro che lei spera possa essere il più felice possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *