Ania: gli incidenti diminuiscono ma i prezzi delle assicurazioni aumentano

Nel 2011 c’è stato un positivo calo del numero degli incidenti stradali, si tratta del 12% rispetto al 2010. A rendere nota questa statistica è l’Ania (Associazione delle imprese di assicurazione). Questa associazione tiene conto di un indicatore di riferimento che non è altro che il numero di incidenti ogni 100 vetture in circolazione.

Nel 2012 questo indicatore è fermo a 6,68%, mentre era a quota 7,92% nel 2008, 7,94% nel 2009 e 7,57% nel 2010. Inutile dire che il risultato è positivo ma a quanto pare questo non è stato dovuto ad un miglioramento delle strade o ad una maggiore attenzione da parte degli automobilisti italiani.

Secondo l’Ania, infatti, questo calo di incidenti stradali è dovuto al fatto che gli italiani hanno imparato a fare a meno della vettura quando non è proprio indispensabile per colpa del rincaro dei prezzi dei carburanti. Infatti, si parla di un aumento di circa il 15% in media registrato durante lo scorso anno.

Ora, visto che il numero di incidenti è sceso (anche drasticamente) sarebbe lecito attendersi un abbassamento delle tariffe della RCAuto, non è vero? Eppure, per motivi poco chiari, le tariffe sono aumentate in 10 anni del 104% (in pratica, sono raddoppiate e in gran parte il merito è dovuto all’introduzione dell’euro). In questi 10 anni, tuttavia, il numero degli incidenti è sceso del 34%.

La soluzione migliore sembra essere quella di ricorrere alla bicicletta, quando non è proprio necessaria l’automobile. Addirittura il settore delle due ruote sta registrando una forte crescita per quanto riguarda le esportazioni che sono aumentate del 16,6%. Il cliente principale è la Francia.