Prima viene denunciato e poi gli vengono affidati i cani che maltratta

Prima denunciato per maltrattamento di animali e poi nominato affidatario degli animali che lui stesso maltrattava.

Sembra impossibile, ma è accaduto ad Afragola, in provincia di Napoli, dove un allevatore clandestino di cani di piccola taglia, Chihuahua e York Shire principalmente, è stato denunciato per allevamento e detenzione illegale di animali, nonché maltrattamento, ma poi gli sono stati lasciati in custodia i cani per l’assenza di altra disposizione idonea.

I primi ad arrivare sul posto, gli uomini della polizia municipale di Afragola e alcuni veterinari della Asl Napoli 2 di Caivano. Circa 22 cani di razza si trovavano in piccolissime gabbie simili a quelle per l’allevamento di galline in batteria, altri erano legati con delle catene estremamente corte che ne impedivano qualsiasi movimento. Una cagna gravida era in pessime condizioni e molti cuccioli ammalati si trovavano in una bacinella senza alcuna coperta che li riparasse dal freddo.

L’uomo non ha voluto dire a chi fossero destinati i cuccioli e sebbene abbia ammesso di aver avuto un pitbull da combattimento non ha saputo giustificarne l’assenza.

Purtroppo l’aspetto peggiore di questa storia sta nei provvedimenti presi, ossia nessuno. Nulla è cambiato, infatti, in seguito al blitz della polizia. Dal momento che nessuna associazione animalista si è proposta di prendere in custodia i poveri animali, il pm della Procura di Napoli Lucio Giugliano è stato costretto ad affidare gli animali allo stesso denunciato.

Non è la prima volta che gli animali vengono affidati ai loro maltrattatori. Tutto questo accade perché lo stato italiano non ha strutture e personale preposto a far fronte a queste situazioni e deve fare affidamento ai rifugi e alle associazioni animaliste che non sempre ne hanno la possibilità. Molti rifugi, tra l’altro, come l’Adla di Ponticelli e la Leda di Acerra, hanno il problema dei fermi imposti dalle rispettive Asl veterinarie a causa di sequestri per abusivismo edilizio.

Così non è possibile affidare gli animali sequestrati ai rifugi che non hanno le condizioni economiche per regolarizzare la propria struttura, ma è possibile lasciarli a persone senza scrupoli che continueranno nei loro traffici, protetti da una legge che sebbene indirettamente, finisce col tutelare chi non lo merita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *