Gaza, continuano i raid: l’Onu chiede il cessate il fuoco

L’offensiva terreste per ora non ci sarà, ma continuano le violenze nella striscia di Gaza: il governo israeliano ha annunciato la sospensione provvisoria dell’offensiva terrestre per assicurare maggior tempo ai negoziati per la tregua portati avanti dagli egiziani, ma continuano i raid aerei.

Nella notte almeno sei le vittime cadute sotto i colpi dell’aviazione, della marina e dell’artiglieria di Israele: tra questi, secondo quanto affermato da Hamas, ci sarebbero anche due bambini di 4 anni e 18 mesi, colpiti mentre dormivano nella loro abitazione di Beit Lahiya.  Superata quota 100 morti, dopo che non è passata neanche una settimana dall’inizio dell’operazione ‘Pilastro di difesa”. Se Israele bombarda la striscia di Gaza, i palestinesi non stanno certo a guardare: cinque razzi sono stati lanciati verso il sud di Israele: due di questi sono state intercettati dal sistema anti-missile Iron Dome. 

In questo scenario si registra l’intervento del segretario generale delle Nazioni Uniti, Ban Ki-moon che dal Cairo chiede “la fine della violenza e il cessate il fuoco” con un immediato passo indietro da entrambi le parti per fermare una “escalation a Gaza, inclusa qualsiasi operazioni di terra”. Il segretario generale dell’Onu ha continuato: “Ancora una volta israeliani e palestinesi vivono nella paura del prossimo attacco: le violenze devono cessare immediatamente“.

Ban Ki-moon sarà ricevuto oggi dal premier israeliano Benjamin Netanyahu, che domani avrà un colloquio anche con Hillary Clinton:  il segretario di Stato Usa è stato inviato dal presidente Obama in Medio Oriente per provare ad arrivare a un cessate il fuoco. Oltre al premier israeliano, la Clinton incontrerà anche il presidente dell’Anp, Abu Mazen, mentre non sono previsti incontri con rappresentati di Hamas.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *