Il Brasile mata la Spagna

Il Brasile ha vinto, per la quarta volta nella sua storia, la Confederations Cup.

Il 3-0 finale è lo specchio fedele della schiacciante superiorità che hanno mostrato i verdeoro. La Spagna è stata l’ombra di se stessa ed ha sbagliato letteralmente tutto, compreso il rigore che Sergio Ramos ha calciato fuori nel secondo tempo. Come se non bastasse ci si è messo pure Piquè che ha atterrato Neymar ed è stato espulso.

Il Brasile passa dopo 2’: Fred, da terra, è bravo a trovare la coordinazione per calciare ed infilare Casillas.

La Seleçao si è fatta sorprendere solo al 41’, quando Pedro si è presentato solo davanti a Julio Cesar ed ha tirato a botta sicura: il grandissimo recupero di David Luiz in scivolata ha impedito alle furie rosse di pareggiare.

Il pareggio avrebbe gettato il Brasile nello sconforto. Lo scampato pericolo ha creato i presupposti per il raddoppio, che arriva proprio allo scadere del primo tempo: scambio tra Oscar e Neymar con tiro al fulmicotone del fuoriclasse appena passato al Barcellona.

In avvio di ripresa arriva 3-0 (Fred fa doppietta) che condanna definitivamente la Spagna anche se, dopo il rigore sbagliato, gli uomini di Del Bosque impegnano un paio di volte Julio Cesar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *