La festa della pizza è a Napoli

Promossa dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani si svolgerà anche quest’anno, sul Lungomare partenopeo di Via Caracciolo – da martedì 3 a domenica 8 settembre 2013 – la terza edizione di Napoli Pizza Village. La manifestazione che celebra di fatto la pizza napoletana, avvalendosi della partecipazione di ben 40 pizzerie storiche di Napoli e provincia, presenterà anche il primo museo itinerante dedicato al noto prodotto gastronomico e il Campionato Mondiale del Pizzaiolo.

Per sette giorni dunque il lungomare partenopeo si trasformerà nella pizzeria all’aperto più grande del mondo, grazie ai suoi oltre 25mila mq di allestimento, con ben 4000 posti a sedere complessivi. Con i suoi 40 forni, rigorosamente a legna, il Napoli Pizza Village tenterà di superare il record di pizze realizzate la scorsa edizione quando ne furono sfornate ben 75.000.

Nel fitto programma dell’evento, che riserva ampio spazio alla musica, allo spettacolo ed al cabaret, che sono fruibili gratuitamente, anche il Campionato Mondiale del Pizzaiuolo – trofeo Caputo (12.ma edizione). La competizione si svolgerà per la prima volta a Napoli proprio alla Rotonda Diaz in quello che verrà definito lo stadio della pizza, una costruzione con spalti con vista sul mare e Capri, che vedrà la partecipazione di circa 500 pizzaiuoli provenienti da oltre 50 paesi stranieri. La gara si svolgerà nei giorni 3 e 4 e prevede l’assegnazione di 8 titoli per altrettante categorie che vanno dalla preparazione classica della pizza sino alla preparazione acrobatica.

Tornando all’evento, i visitatori, in tempo di spending review, con l’acquisto di un ticket di soli 10 euro potranno degustare: una pizza, una bibita, un dolce o un gelato, un caffè o un succo di frutta. Ben 24 casse potranno servire agilmente il flusso dei partecipanti, mentre il raddoppio delle postazioni della distribuzione delle bibite e caffè, rispetto allo scorso anno, sarà utile ad annullare i tempi di attesa.

Per chi vuol conoscere la vera storia della pizza napoletana, partendo dalle pizzerie storiche che dai Borboni ad oggi hanno determinato la nascita e la promozione della pizza nel mondo, basterà accedere allo specifico Museo. Un’esposizione allestita al coperto nei giardini di via Caracciolo, con oltre 500 articoli: dai “ferri” del mestiere al vestiario originale dei pizzaiuoli dell’epoca, dagli strumenti per la realizzazione della pizza alle immagini storiche legate al prodotto, costituiranno un percorso unico e imperdibile. Inoltre lo storico Luca Falace presenterà un viaggio iconografico del prodotto, mentre l’artista italiana Laura Cionci esporrà opere realizzate con un procedimento che vede il focus posto sulla pizza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here