Taglio ai buoni libro, Assessore s’incatena per protesta

I tagli dei buoni libro decisi dal Governo continuano a destare proteste e polemiche. Ne è un esempio Geppino De Rose, l’Assessore alla Scuola di Cosenza, il quale, in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico, si è incatenato davanti ad una scuola proprio come segno di protesta contro il provvedimento del taglio ai buoni libro, annunciando che provvederà a fotocopiare i libri a quelle famiglie che non possono affrontare tale spesa.

In base a questo piano di riparto regionale della Regione Calabria prevista dal Governo, il comune di Cosenza ha subito un significativo taglio del 60%, rispetto all’anno precedente, della fornitura gratuita e semi gratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2013-2014. Tale taglio ha provocato non pochi problemi alle famiglie cosentine meno abbienti.

A tale provvedimento l’assessore De Rose dice “no” e, come aveva preannunciato, lunedì mattina si è incatenato davanti alla scuola elementare Carmelina D’Ambrosio.

La scelta di questa scuola non è un caso. Difatti bisogna precisare che anche se per questo istituto è prevista la fornitura gratuita dei libri di testo, questo è comunque collocata in uno dei quartieri più disagiati e maggiormente abitati della città, dimostrando il pieno appoggio alle famiglie che hanno subito tale ingiusto provvedimento.

Ma De Rose non si è limitato a questo gesto plateale, ha infatti annunciato che “Non ci limiteremo a subire, sono pronto ad autodenunciarmi, per violazione dei diritti sulla proprietà intellettuale, ma se è necessario, fornirò a mie spese, ai ragazzi delle famiglie più bisognose, escluse dal beneficio dei buoni libri, copie fotostatiche dei libri. Abbiamo doveri morali precisi verso i meno fortunati.”

Secondo l’assessore il taglio dei buoni libro, oltre a provocare un disagio economico alle famiglie in difficoltà, avrà come conseguenza il diffondersi della dispersione scolastica, minacciando così il costituzionale diritto allo studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *