Martin Klimas immortala il colore della musica

Immaginate una fontana fatta di zampilli e gocce colorate che si innalzano lungo uno sfondo nero e ritornano poi a terra richiamate dalla forza di gravita. È quello il colore che ha la musica. E se prima mescolare tra loro i sensi poteva essere soltanto una sensazione sotto effetto di stupefacenti o in stato febbrile, adesso è una visione davanti agli occhi di tutti, mostrata in una fotografia.

Questa è l’ennesima trovata del fotografo tedesco Martin Klimas. Si chiama Ich sehe was, was du nicht hörst (Io vedo qualcosa che tu non senti) e immortala delle vere e proprie fontanelle di colore che si formano dalle onde musicali. L’artista tedesco per fotografare le sue statue di colore usa un procedimento particolare versando della pittura colorata su una pellicola posta sopra un altoparlante con la membrana a forma di imbuto. Alzando il volume le vibrazioni fanno gorgogliare le pitture ed è in quel momento che interviene la tecnologia digitale.

Gli artisti che Klimas usa per far saltellare i suoi colori provengono da diverse scene musicali. Ogni brano ha una sua forma. Da Pharaoh’s Dance da Bitches Brew di Miles Davis, ai Kraftwerk o ai Carmina Burana di Carl Orff. Quello immortalato da Martin Klimas è un mondo meraviglioso che ammalia e impressiona per la plasticità liquida tridimensionale e la vivacità quasi scherzosa del movimento.

Tra le altre serie fotografiche di Martin Klimas troviamo Vögel (Uccelli: una serie di emozionanti scatti al volo di aquile, civette e altri volati) e Blumenvasen (Vasi di fiori) ovvero composizioni floreali fotografate mentre il vaso va in frantumi. Lo stesso avviene nella serie Porzellanfiguren dove si coglie l’attimo in cui alcune statuette di porcellana vengono si spaccano. Sul sito ufficiale dell’artista è possibile vedere anche la serie di foto Foulard.

Il fotografo tedesco si è formato alla Fachhochschule di Düsseldorf (dove ha studiato Comunicazione Visiva) e negli scorsi anni ha allestito molte esposizioni in Germania e in altre nazioni europee. Non solo il nostro continente, però, apprezza i lavori del fotografo teutonico che fino al 3 novembre prossimo esporrà le sue “Ich sehe was, was du nicht hörst” presso la mostra SONIC alla Galleria Foley di New York. Non è la prima volta che Martin Klimas presenta le sue opere nella Grande Mela, infatti, già nel 2008 ha avuto una mostra personale al The Dandy Warhol Museum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *