Bambini e tecnologia: i tempi corrono e i giochi cambiano

La tecnologia è per i bambini rischio o risorsa? È questo il tema su cui si dibatte con maggiore voga e che spesso suscita posizioni estreme e incompatibili. A schierarsi sono i genitori che a causa della differenza generazionale sembrano perdersi nel rapporto con le nuove tecnologie, mentre i figli ne approfittano per superare un nuovo livello del videogioco appena acquistato. Alcuni più all’antica che ne temono gli effetti, altri più moderni che li osannano o sono semplicemente grati a tablet, smartphone, televisione e console, perché facilitati sia nelle attività quotidiane, che nel rapporto stesso con i propri figli. Applicazioni per tenere a bada il bambino, per addormentare il bambino o addirittura promemoria per cambiare il pannolino. Ma il classico “se fai il bravo ricevi una caramella” dov’è andato a finire?

Nascendo in un ambiente in cui gli strumenti tecnici sono già presenti, ritrovandosi in una realtà in cui i beni di primo ordine sembrano essere proprio le apparecchiature di ultima generazione, i bambini sviluppano con la tecnologia un rapporto del tutto naturale. È necessario però che ci sia fin dall’inizio un’educazione verso un uso adeguato, mai eccessivo e un approccio guidato alla tecnologia nell’ambito familiare come in quello scolastico. Mentre per gli adulti è una semplice forma di svago, per i bambini rappresenta molto di più, poiché i più piccoli hanno la necessità di conoscere e capire il mondo, catturando qualsiasi tipo di informazione abbiano intorno. La pericolosità consiste proprio nella ricezione di informazioni negative, che non si è in grado di riconoscere come tali e quindi scartare.

La soluzione ce l’aveva già data Orazio ai tempi in cui i bambini giocavano con i sassolini invece dei tasti e con le bambole di pezza, invece di quelle virtuali. Sì, perché bisogna ammettere, che i bambini non giocano più come una volta e viene a mancare sempre più la curiosità e l’inventiva. Niente più ginocchia sbucciate, giornate al parco o sotto casa. Est modus in rebus, c’è una giusta misura nelle cose, disse. Infatti, se utilizzata in maniera equilibrata la tecnologia può essere di grande aiuto nell’apprendimento, per crescere, integrare e imparare, rafforzando le funzioni cognitive e sociali.

Non sono però da sottovalutare i rischi in cui si potrebbe incorrere. Un uso eccessivo, scorretto e abusivo non solo non stimola alcun tipo di attitudine necessaria alla crescita, ma rischia di compromettere i rapporti umani e indurre verso la dipendenza. Uno strumento tecnologico non richiede alcun tipo di interazione, ma semplici movimenti meccanici, che spingono il bambino a smettere di domandare, curiosare e guardarsi intorno, poiché il computer sa già tutto, pronto a rispondere a qualsiasi domanda.

bambini e tecnologia i tempi corrono e i giochi cambiano

Il ruolo dei genitori è di fondamentale importanza, essendo i principali esempi per i loro figli e i responsabili della creazione di un certo ambito familiare in cui i bambini crescono. Non solo devono controllare il flusso di informazioni a cui sono esposti e privilegiare determinati giochi piuttosto che altri, ma anche insegnare il giusto approccio alla tecnologia. Altrimenti, sarebbe come vietare ai bambini di vivere la contemporaneità nella quale sono immersi, compromettendo anche i rapporti con gli altri.

Non si tratta più di vedere la tecnologia come rischio o risorsa, ma di scegliere se guardare verso il passato o verso il futuro. Forse è giusto non dimenticare ciò che si era prima che il progresso tecnologico ci portasse con estrema velocità in alto mare, e continuare a trasmettere ai nostri figli quello che oggi potrebbe sembrare antico, ma che preserva in sè un altro modo di essere bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *