L’Inter passa a Thohir. È ufficiale, sono arrivate le firme

Ci siamo. Il giorno del passaggio del 70% dell’Inter dalle mani di Massimo Moratti a quello del magnate indonesiano Erick Thoihir è arrivato. A comunicarlo è stato l’ex numero uno nerazzurro pochi minuti fa all’ingresso dei suoi uffici della Saras “Abbiamo firmato con Thohir, tra breve ci sarà il comunicato. Rimanere presidente? Ancora non lo so“.

Una fumata bianca che arriva dopo mesi di trattative, di appuntamenti, di incontri fugaci o di giornate intere dedicate a trovare la soluzione che avrebbe accontentato nel migliore dei modi entrambe le parti. “Sono soddisfatto, i tempi sono stati lunghi ma mi sembra che la cosa sia equilibrata e fatta bene” – ha continuato il patron della Saras – “Aspettiamo di fare il comunicato e poi vedremo cosa sentirò di dire anche ai tifosi. Dispiace sempre quando cambia qualcosa, non credo dovrò adattarmi ad un ritmo diverso. Da una parte c’è ovviamente l’amore per tutto questo e dall’altra il sollievo per aver messo in mani buone la società. Di questo sono sicuro perché è gente molto per bene“.

Per la prima volta nella storia del calcio italiano, un club diventerà di proprietà asiatica. La crisi economica e finanziaria non ha lasciato scampo anche ad una delle famiglie più in voga del nostro paese. I tifosi nerazzurri s’interrogano perplessi sull’incerto futuro della loro squadra e su colui che la rappresenterà nei prossimi anni.
Ogni Presidente dà una sua impronta, questo senza dubbio, ci sarà forse col tempo un’impronta anche diversa, questo non lo so. L’importante è che sia sempre rispettosa di quello che è il resto del mondo, oltre che della propria attività e credo che queste persone abbiano in mente anche questo” – ha aggiunto ancora Moratti.

Tra poco avremo l’ufficialità e con essa le cifre e i commenti a caldo di tutto il mondo del calcio. Una cosa però è già certa: la storia dell’Inter da oggi volta pagina.