Valentino, l’uomo e lo stilista svelati in una biografia

Valentino Garavani necessita di ben poche presentazioni: è l’uomo che ha fermato il tempo attraverso stoffe e colori, mentre la moda va e viene ha lasciato il segno mantenendo il suo stile sofisticato e inconfondibile, che non passa mai.

Lo stilista, nato a Voghera nel 1932, manifesta da sempre una forte passione per la sartoria, e nel 1959 apre il suo primo altelier a Roma in via Condotti.
In quell’epoca Valentino vestiva donne di spessore sociale come Elizabeth Taylor o Jackie Kennedy. Nei successivi quarant’anni la Maison Valentino diventa la più apprezzata e popolata del panorama della moda.

Valentino ha raccontato di sé negli anni attraverso incantevoli e preziosi tessuti. Ma cosa racconta chi ha condiviso pezzi di vita con il più grande dei couturiers?

“Dall’ingresso del Palazzo al numero 22 (di piazza Mignanelli ndr), dal portone su cui svetta imperiosa una V dorata, si ha l’impressione di dominare l’universo: l’ex proprietario del palazzo, oggi lontano in un romitaggio cosmopolita e sofisticato, ci è riuscito. Nel corso di mezzo secolo, Valentino Garavani ha conquistato le donne (e gli uomini) di ogni continente senza spade né dardi infuocati. Meglio qualche metro di chiffon, preferibilmente scarlatto”.

Tony di Corcia introduce così la biografia – raccontata dagli altri – di Valentino Garavani.

“Valentino. Ritratto a più voci dell’ultimo imprenditore della moda” è una biografia di 304 pagine (editore Lindau, collana Le comete) in cui il giornalista\scrittore Tony di Corcia raccoglie le testimonianze di coloro che hanno fatto parte della vita privata e professionale di Valentino.
L’autore, che ha già pubblicato la biografia di Giovanni Versace e si è occupato di quella di Burberry che uscirà prossimamente, sceglie di riportare le informazioni acquisite sotto forma di vere e proprie interviste. Così da non perdere l’autenticità dei racconti, passo dopo passo, di chi ha conosciuto personalmente Valentino stilista e Valentino persona.

In “Valentino. Ritratto a più voci dell’ultimo imprenditore della moda” la voce di Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli che, dopo aver lavorato per anni accanto allo stilista italiano, oggi sono a capo della direzione artistica della maison che porta il suo nome.
Altra importante testimonianza presente nel libro è quella di Daniela Giardina, portavoce di Valentino per trentacinque anni della sua carriera lavorativa, e, tutt’oggi amica intima dello stilista e del compagno di lui Giancarlo Giammetti, grande amore di Valentino.

Marina Cicogna, Barbara Vitti, Giusi Ferrè, Dario Ballantini, solo alcuni dei nomi presenti all’interno di questo libro che, come un puzzle, tenta di ricostruire la vita di un illustre imprenditore italiano, la cui carriera lavorativa è durata più di mezzo secolo.

[Credit photo:www.metro.se]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *