Treno deraglia nel Bronx a New York, “Andava troppo veloce”

Erano le 7 del mattino quando il treno della linea Metro North proveniente da Poughkeepsie è deragliato fra il Bronx e l’isola di Manhattan, vicino alla stazione di Spuyten Duyvil. Per ora il numero dei morti è salito a quattro e nonostante i 67 feriti, di cui 11 gravi, nessuno rischia di perdere la vita secondo quanto riferito ieri sera.

Il treno, secondo le prime ricostruzioni, probabilmente andava troppo veloce e lo dimostrerebbe il fatto che le quattro carrozze ribaltatesi sono state ritrovate proprio nei pressi della curva che per altro costeggia pericolosamente il fiume Hudson. Nessuna carrozza nell’acqua, come era stato invece riportato all’inizio da alcuni testimoni, solo una a circa un metro dal fiume anche se comunque per precauzione la Guardia Costiera è intervenuta. Il capotreno, secondo la CNN, avrebbe dichiarato che i freni non hanno risposto ai comandi.

I 125 uomini del New York Fire Department uniti alle Forze speciali della Polizia di NYC hanno lavorato tutto il giorno per mettere in sicurezza i feriti e iniziare le prime indagini con la presenza dell’FBI. Non può trattarsi “solo” dell’eccesso di velocità. Già qualche mese fa non lontano dal luogo dell’incidente, un treno merci aveva avuto un incidente simile. :”La sicurezza è il primo impegno” ha promesso il presidente dello Stato di New York Andrew Cuomo.

In un giorno lavorativo, completamente occupato, sarebbe stato un tremendo disastro“, ha dichiarato il Commissario dei Vigili del Fuoco Salvatore J. Cassano. Poteva essere una strage anche per la vicinanza con il fiume Hudson. Oltretutto ieri sono finite le vacanze del Thanksgiving e molti si recano in città per approfittare degli sconti pre natalizi.

Nel frattempo il National Transportation Safety Board ha spedito investigatori da Washington sul posto con precise istruzioni per ispezionare le carrozze rovesciatesi e interpretare le informazioni dei “registratori di eventi” ovvero dispositivi che hanno qualcosa in comune con le scatole nere degli aerei. Allo stesso tempo la Federal Railroad Administration ha assoldato una squadra di investigatori. Tutta questa attenzione è dovuta al fatto che quello di ieri è stato il primo grande incidente ferroviario di considerevoli dimensioni e vittime dopo decenni. Metro Notrth, la seconda linea più trafficata d’America, per la giornata di oggi ha organizzato autobus sostitutivi in attesa che il treno venga rimosso dai binari.

Le polemiche non si sono fatte attendere: le accuse all’amministrazione che non si occupa a dovere della manutenzione delle strade ferrate e che permette a certi vetusti treni di viaggiare. A settembre la Metro North è stata chiusa per 12 giorni a causa della caduta di un cavo di alimentazione. L’attenzione che viene data a questo tragico episodio potrebbe essere l’inizio verso politiche diverse in termini di investimenti alle infrastrutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *